Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, incidente mortale a Badiali: muore una ragazza di 21 anni

  • a
  • a
  • a

Incidente mortale intorno alle ore 4.45 di domenica 9 maggio in zona Badiali, a Città di Castello. Una ragazza di 21 anni, Elisa Cesari è morta. Ancora incerte le dinamiche del sinistro, su cui stanno indagando le forze dell'ordine, giunte sul posto dopo l'allarme dato da un passante. Sul luogo dell'incidente sono arrivati anche i vigili del fuoco e i sanitari del 118, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare.

 

La vittima è una ex studentessa dell’istituto alberghiero Cavallotti di Città di Castello. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del nucleo radiomobile di Città di Castello. Resta ancora da capire come mai a quell’ora la ragazza si trovasse in giro, visto il coprifuoco ancora in vigore. La macchina su cui viaggiava la giovane è una mini Cooper grigia metallizzata, che si è ribaltata più volte dopo aver centrato un muretto. “Facciamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia della giovane ragazza scomparsa stanotte in un incidente stradale nella frazione di Badiali”, dichiara stamattina il sindaco Luciano Bacchetta a nome dell’amministrazione comunale di Città di Castello. “Di fronte alla morte di una persone giovane restiamo tutti colpiti e siamo davvero molto dispiaciuti per l’accaduto, per cui insieme alle doverose condoglianze, mandiamo alla famiglia un grande abbraccio”, ha aggiunto il primo cittadino. 

 

"Il ricordo di Elisa, la sua bellezza, il suo sguardo inquieto, una ragazza che ha dato alla nostra scuola i suoi anni più belli, gli ultimi purtroppo. Oggi piange una famiglia e insieme a lei un'intera scuola : noi accogliamo ragazzi e cerchiamo di prepararli al futuro, quando il futuro si infrange drammaticamente come per Elisa, resta il ricordo delle promesse mancate, le sue promesse, quelle di una ragazza che aveva ancora tanto da dare e tutto da fare. Il nostro abbraccio va alla sua famiglia e a tutti gli amici che hanno potuto amarla", ha commentato la professoressa Marta Boriosi.