Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, il vaccino può essere prenotato anche grazie ai carabinieri

  • a
  • a
  • a

Nella complessa partita con il Covid 19, in Umbria sul piano vaccinale scendono in campo anche i militari dell'Arma dei carabinieri. Saranno a disposizione per assistere i cittadini ultra 70enni nella prenotazione online della somministrazione dei farmaci anti virus. Le caserme saranno aperte a quelle persone, che al di là del dato anagrafico, non avendo particolare dimestichezza con la rete oppure non possedendo strumenti per l'accesso ad internet, hanno riscontrato difficoltà nel confrontarsi con le procedure di prenotazione per via telematica. In pratica metteranno a disposizione una preziosa e fondamentale collaborazione per prenotare la vaccinazione. 

Ovviamente molto importante sarà la capillarità dell'Arma sul territorio regionale. In Umbria sono 95 le stazioni dei carabinieri e il personale si metterà a disposizione della cittadinanza per l'assistenza nella compilazione di format che saranno generati ad hoc per facilitare e velocizzare l'appuntamento per l'inoculazione del vaccino anti Covid. Inoltre, nei casi di impossibilità a spostarsi, i cittadini potranno essere direttamente raggiunti nelle proprie abitazioni dagli stessi carabinieri che effettueranno la prenotazione attraverso i canali informatici che saranno predisposti.

Si tratta di un ulteriore supporto che si va ad aggiungere ai servizi che sono stati già messi in campo dall'Arma dei carabinieri in Umbria. Non ultimo quello di recapitare direttamente le pensioni ed permettere di effettuare eventuali denunce presso il domicilio delle persone che sono impossibilitate. Da sempre i militari si mettono a disposizione dei cittadini per 24 ore al giorno e in una fase complessa come quella della pandemia, il loro aiuto è importante sia dal punto di vista tecnico-pratico, che da quello psicologico. Gli uomini dell'Arma non si sono mai tirati indietro, aiutando tutti coloro che sono andati in difficoltà. In Umbria, tra l'altro, sono numerosi gli anziani che vivono in piena campagna, o in zone di montagna, magari lontani da centri o strutture importanti. I militari ci sono anche stavolta.