Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, riaperte le prenotazioni per i caregiver. Nuovo maxi punto vaccini a Perugia

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Sono riaperte da oggi, 4 maggio, le prenotazioni per i vaccini anti Covid di caregiver e familiari conviventi di soggetti estremamente vulnerabili, con età inferiore ai 60 anni, a cui verrà somministrato il vaccino Pfizer arrivato lunedì 3 maggio per circa 12.000 dosi. Lo fa sapere la Regione Umbria. Sono già aperte le prenotazioni per i caregiver e i familiari conviventi con età superiore ai 60 anni, grazie alla disponibilità di circa 2.000 vaccini Johnson & Johnson.

Per quanto riguarda i soggetti estremamente vulnerabili, come già annunciato la scorsa settimana, nelle due domeniche del 9 e 16 maggio verranno anticipati i circa 11.000 cittadini già prenotati a giugno. Ai destinatari verrà inviato un sms con indicazione del punto vaccinale in cui recarsi e dell’orario dell’appuntamento. I team vaccinali delle Asl contatteranno coloro cui non è arrivata la notifica sms, per confermare l’appuntamento fissato.

Coloro che avessero bisogno di ulteriori informazioni possono rivolgersi al numero verde dedicato 800.192.835, attivo tutti i giorni dalle 8:00 alle 20:00. A tutti sarà somministrato il vaccino Pfizer.
Inoltre sono in distribuzione ai medici di medicina generale circa 27 mila dosi di vaccino AstraZeneca che consentirà di completare la somministrazione della prima dose ai cittadini di età compresa tra i 70 e i 79 anni entro la seconda decade di maggio.

Intanto a Perugia il Comune ha avviato la ricerca di una struttura per ospitare un hub vaccinale da 2.000 dosi giornaliere: sarebbe il più grande dell'Umbria. Tra gli immobili al vaglio dell'assessore Clara Pastorelli ci sono i palazzetti dello sport di San Marco e di San Sisto.  Decisive l'ampiezza e la disponibilità di parcheggi e spazi esterni. Le attività sportive verrebbero trasferite al Pala Evangelisti. Anche quest'ultima struttura risulta tra quelle indicate nella rosa. Entro la metà del mese Palazzo dei Priori dovrà prendere una decisione e comunicarla alla direzione sanità della Regione.