Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, al via i concorsi in ospedale per medici e infermieri. Previste 297 assunzioni

  • a
  • a
  • a

A Terni vanno avanti le procedure per le assunzioni, tramite concorso, nell'Azienda ospedaliera Santa Maria. L’obiettivo è quello di potenziare l'organico nell’ interesse dei malati. I numeri parlano chiaro: le assunzioni effettuate dal primo gennaio del 2021 al primo maggio scorso (aree Covid e no Covid) sono state 71: medici e dirigenza sanitaria (38), personale assistenziale (27) e personale amministrativo-tecnico (6). Le assunzioni (aree Covid e no Covid) previste nel 2021 (concorsi già in atto) saranno 199: medici e dirigenza sanitaria (26), personale assistenziale (144), personale amministrativo-tecnico (29).

Per quanto riguarda le assunzioni già approvate dal 2 maggio al 31 dicembre del 2021 sono 27: medici e dirigenza sanitaria (17), personale assistenziale (7), personale amministrativo-tecnico (3). Di fatto sono previste 297 assunzioni nel 2021, ma necessariamente vanno fatte delle considerazioni ovvero tenere presenti alcuni fattori tra cui le graduatorie, i trasferimenti, i prepensionamenti e via dicendo. Intanto il bilancio degli assunti in un anno è pari a 112 nuovi dipendenti: 42 medici, 41 infermieri, 18 Oss-ausiliari, 2 ostetriche, 10 tecnici e 2 amministrativi e sono stati stabilizzati da tempo determinato a tempo indeterminato 63 unità. Due unità del settore farmacisti hanno cessato il proprio lavoro, ma entro il mese di maggio sarà espletato il relativo concorso pubblico.

Sempre in questo mese saranno espletati i seguenti concorsi: dirigente medico pediatria, dirigente medico ortopedia, dirigente medici di igiene e direzione medica di presidio. Inoltre, è stato indetto anche un concorso per collaboratore amministrativo, e a breve si concluderà il concorso con la Usl Umbria 2 per infermieri, e a seguire quello di tecnici di radiologia, di cui l’azienda ospedaliera Santa Maria è capofila. Nel mese di giugno inoltre sarà espletato l'avviso pubblico per dirigente medico di chirurgia vascolare. “Quel che conta, soprattutto in un periodo difficile come quello attuale - sottolinea il direttore generale dell’Azienda ospedaliera, Pasquale Chiarelli - è che il proprio lavoro sia portato avanti con cura e passione, in ogni settore, soprattutto nell'ambito dell’accoglienza, dell’assistenza e della cura delle persone malate".