Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Trasimeno, pranzo e cena affacciati sul lago: l'esperimento è riuscito

Gabriele Burini
  • a
  • a
  • a

Pranzo e cena affacciati sul lago: a Passignano sul Trasimeno l’esperimento di domenica 2 maggio è riuscito, con turisti e residenti che hanno apprezzato l’iniziativa organizzata dall’amministrazione comunale su idea dell’associazioni commercianti. Sul tratto di strada della Regionale 75 bis del Trasimeno, in corrispondenza del centro abitato, a pranzo e a cena è stato sospeso il traffico veicolare per consentire a dieci attività di allestire tavoli all’aperto. “L’iniziativa ha funzionato – spiega il presidente dell’associazione commercianti, Gianluca PeveriniHa consentito ai commercianti di avere più spazio per lavorare e allo stesso tempo la gente che è venuta nel primo weekend di zona gialla si è goduta il lungolago".

"Ci sono state persone residenti nelle zone limitrofe come la Toscana - continua - ma anche umbri e residenti nel comprensorio del Trasimeno. Il riscontro è stato molto buono. La possibilità di passeggiare lungolago poi, con la distanza di sicurezza, consente di stare tutti più tranquilli. Sarebbe potuta andare anche meglio se non ci fosse stato il forte vento a caratterizzare tutta la giornata”. La speranza dei commercianti adesso è che questa iniziativa si possa ripetere anche nelle prossime settimane. “Ne abbiamo già parlato con l’amministrazione comunale – prosegue Peverini Questo era un test ed è andato bene, la viabilità non ha avuto problemi nonostante il tratto di strada chiuso e speriamo di poter sfruttare questa possibilità anche in futuro”. 

Commenti positivi che arrivano anche dall’amministrazione comunale. “E’ andata molto bene – dice il sindaco, Sandro PasqualiE’ un esperimento che ci fa ben sperare e ci fa fare una riflessione su come organizzare il futuro. Dobbiamo ringraziare le forze dell’ordine e i volontari che ci hanno dato una grandissima mano: l’impegno è molto. Nei prossimi giorni valuteremo l’efficacia dell’iniziativa insieme all’associazione commercianti e se ci sarà possibilità di replicarla. Nel rapporto costi–benefici per noi sono più alti i benefici e la vediamo di buon grado. Valuteremo le possibilità di estendere il tratto di strada chiusa, ma anche qui dovremo fare delle attente analisi insieme alle forze dell’ordine e ai volontari, che hanno fatto un lavoro fondamentale. L’idea era venuta fuori nel 2020 dopo una serie di confronti tra amministrazione e commercianti: quest’anno è stata messa in campo”.