Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, donna con una piantagione di marijuana arrestata a Città di Castello

  • a
  • a
  • a

Una donna di 55 anni, legale rappresentante di una onlus con sedi in varie zone dell’Umbria ma che risiede a Città di Castello, è stata arrestata dalla polizia. Contestati diversi reati legati alla violazione della legge sulla coltivazione, la detenzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti. I poliziotti infatti hanno trovato una vera e propria piantagione di marijuana, 1,5 chili di foglie da essiccare e 50 grammi di marijuana pronta per essere spacciati. L’operazione è scattata a seguito di un controllo del territorio volto alla repressione dei reati legati al traffico di sostanze stupefacenti. Impegnati gli uomini della squadra anticrimine e delle volanti del commissariato di Città di Castello.

La donna è stata rintracciata nella sede dell’associazione di cui è presidente, che si trova in un casolare nella zona nord est del territorio comunale tifernate. Dopo una serie di controlli e di appostamenti si è deciso di effettuare un blitz nel casolare isolato. Quello che hanno trovato gli agenti è stata una avviata coltivazione di cannabis di varie tipologie. Utilizzate una serra e lampade alogene per creare un microclima ideale alla crescita della marijuana, risultata di ottima qualità. Le piante coltivate erano contenute in grossi vasi e pronte per l’essiccazione e la successiva vendita.

Oltre alla coltivazione in serra delle piante è stato stato trovatoun chilo e mezzo di marijuana in foglie pronte per la fase dell’essiccatura e altri 50 grammi già essiccati e prossimi all’immissione in commercio. Rinvenuto e sequestrato dagli agenti anche il materiale specifico per la coltivazione intensiva delle piante, comprese le lampade alogene, le stufe, i ventilatori, i deumidificatori e il materiale per il confezionamento dello stupefacente. La donna, su decisione della competente autorità giudiziaria di Perugia in base alle normative per la pandemia, è trattenuta agli arresti domiciliari nella sua abitazione nel territorio di Città di Castello.