Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, ragazzo morto: botta e risposta tra l'avvocato del trans e il legale della madre

Esplora:

Ale.Ant. e Fra.Mar.
  • a
  • a
  • a

"La vittima è Samuele, sia chiaro”: così Valter Biscotti, l’avvocato della madre di Samuele De Paoli, il 22enne trovato morto mercoledì mattina in un fosso in una strada di campagna a Sant’Andrea delle Fratte. Biscotti replica alle dichiarazioni di Francesco Gatti, che assiste il trans di 43 anni indagato per omicidio preterintenzionale. “Patricia è stata aggredita per prima e si è difesa”, ha sostenuto Gatti ripercorrendo le fasi della lite e della colluttazione a cui ha fatto seguito la morte del giovane residente a Bastia Umbra. Ma Biscotti ribadisce: “In questa tragica vicenda la vittima è Samuele, lo ripeto, che non si provi a far passare un’altra verità. Quelle che riporta il mio collega sono dichiarazioni fatte da una persona indagata per omicidio”, insiste Biscotti. Che chiede rispetto per tutta la famiglia: la madre Sonia e i due figli, fratelli di Samuele. “E’ una famiglia scossa da tutta questa storia. Una famiglia perbene, gente che lavora. Così era anche Samuele. Un ragazzo come tanti altri”, insiste il legale perugino. Sulle testimonianze di alcuni amici che riferiscono del consumo di stupefacenti prima dell’incontro sessuale, Biscotti è netto: “Quello che sappiamo è che non aveva dipendenze, almeno stando a quanto dicono tutti. Per lui parla il fatto che ha sempre lavorato e non gli sono mai stati sollevati problemi sul luogo di lavoro”, insiste l’avvocato.

Questo trova conferma anche nelle testimonianze dei colleghi. “Ho lavorato con lui lunedì pomeriggio, era tranquillo. Se faceva abitualmente uso di droghe? Non mi risulta”, spiega un dipendente della stazione di servizio di Ospedalicchio. A Cipresso, la frazione di Bastia Umbra in cui vive la famiglia della vittima, la versione su Samuele è univoca: “Un ragazzo schivo, riservato, mite”. Il 22enne non aveva precedenti, né per droga né per risse o lesioni. Da due anni aveva smesso di giocare nel Bastia calcio proprio per dedicarsi al lavoro. Alla stazione di metano faceva turni al mattino e al pomeriggio. Martedì se l’era preso libero proprio perché doveva incontrare gli amici a Perugia.

Poi, intorno alle 20, il passaggio in via Penna e l’incontro con Patrizia, il transessuale di 43 anni di origine brasiliana indagato dalla Procura di Perugia per omicidio preterintenzionale. Regge la versione della lite e della colluttazione, ci sono segni sia sul corpo dell’indagato sia su quello del 22enne ucciso, ma sulle cause del decesso si attende il responso dell’autopsia fissata per oggi. Quale che sia l’esito lascia una mamma con un dolore indicibile. Mercoledì mattina Sonia - una vita di sacrifici per tirare su i suoi tre figli - ha sperato fino all’ultimo che Samuele fosse solo a dormire altrove. Poi la chiamata dalla polizia e quell’incubo d’improvviso divenuto realtà.