Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Un video di Matteo Fioriti per i cento anni delle rivolte in parte della Polonia

  • a
  • a
  • a

“Se qualcuno mi avesse detto questa cosa un anno fa? Non ci avrei mai creduto”. Così Matteo Fioriti, musicista di Gualdo Tadino, in provincia di Perugia, commenta questo periodo denso di impegni e soddisfazioni. Infatti, ad appena dieci giorni dall’uscita del suo pezzo Check, c’è una nuova iniziativa che lo vede protagonista. Sulla facciata di una delle piazze più importanti di Varsavia è proiettato un video, un corto di nove minuti, che Matteo Fioriti ha realizzato per conto dell’istituto nazionale della Memoria di Varsavia per celebrare i cento anni delle rivolte della Slesia. Il video, realizzato in occasione della ricorrenza di uno dei momenti più importanti dell’indipendenza polacca, sarà proiettato per una settimana in piazza Josef Pilsudski, considerato il padre dell’indipendenza polacca.

Il ventitreenne gualdese ha lavorato nell’ultimo mese su questo progetto. Il tutto è frutto della collaborazione con Tommy Zee, produttore musicale di New York, proprietario di una società che porta il suo nome e che realizza musiche e colonne sonore per le pubblicità dei più grandi marchi e agenzie del mondo. Fioriti è entrato da qualche mese a far parte del suo team. “Mi è stato affidato il ruolo di massima responsabilità per quanto riguarda l'aspetto creativo e manageriale della colonna sonora".

"Quello che in gergo è chiamato creative director/executive producer - continua - Dovevo immaginare il processo più adeguato, scegliere le persone giuste, capire quali fossero le scelte più sensate ed emozionanti per rendere onore a una nazione meravigliosa, con una storia altrettanto meravigliosa. Non potevo sbagliare perché la responsabilità sarebbe stata la mia e di nessun altro”, aggiunge Matteo Fioriti che spiega come di imprevisti ce ne siano stati tanti “ma alla fine il nostro cliente ha ritenuto fosse un risultato oltre le aspettative”. L'opera sarà proiettata per una settimana a Varsavia sulla facciata di quell’edificio e poi in 30 città in tutta la Polonia.