Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Non è l'Arena, caos a Firenze: durante il coprifuoco gente in piazza per protestare contro le restrizioni. Giletti: "Una rivolta pacifica" | Video

  • a
  • a
  • a

Caos a Firenze in pieno coprifuoco, nella serata di domenica 25 aprile. Nonostante le 22 siano già trascorse da molti minuti, sono centinaia e centinaia le persone in piazza per protestare contro le restrizioni ancora imposte dal governo per cercare di contenere la diffusione del Covid 19. In particolare inferociti ristoratori, piccoli imprenditori e lavoratori in ginocchio a causa del visur. Non è l'Arena manda in diretta le immagini. Massimo Giletti, conduttore del talk di La7, parla di una rivolta pacifica. Centinaia e centinaia in strada per manifestare, molti senza mascherine, in un evento non autorizzato. Ai ristoratori non piace affatto che alle 22 i cittadini debbano rientrare in casa per il coprifuoco.

Ovviamente in piazza anche gli agenti della polizia che, stando al giornalista sul posto, hanno elevato contravvenzioni. "Stiamo cercando di protestare e gli agenti ci stanno identificando", dicono i manifestanti. E ancora: "Il governo affronta questi problemi da quattordici mesi ma non ha risolto nulla". Dure le accuse ad Alessia Morani, parlamentare del Partito Democratico presente in studio: "Al governo cercate di usare il cervello, ce l'avete spento da molti anni". Qui il video della protesta in piazza al centro di Firenze.

Dura la posizione di Cristina e Tiziana, altre due ristoratrici: "Così non è possibile. Come fa a riaprire chi non ha spazi esterni? E cosa accade in una giornata in cui piove. E se il pranzo di una cerimonia è organizzato e improvvisamente cambia il tempo?". Clicca qui per ascoltare la posizione delle ristoratrici fiorentine Cristina e Tiziana. Poco prima del servizio da Firenze, Non è l'Arena ha mandato in onda il servizio realizzato da Rosanna Sferrazza che a Roma ha provato ad sentire i politici sulle tabelline, incassando errori di calcolo quasi comici. Clicca qui per vedere il servizio di Sferrazza che ha preso in giro i politici italiani.