Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni: Maurizio Landini, segretario nazionale della Cgil, celebrerà il Primo Maggio all'Ast

  • a
  • a
  • a

Cgil Cisl Uil hanno scelto di celebrare il Primo Maggio 2021 organizzando, unitariamente, tre distinti eventi sindacali che si svolgeranno presso alcuni luoghi simbolici del mondo del lavoro del nostro Paese. L’Ast è stata scelta dalla Cgil per ospitare il segretario generale nazionale, Maurizio Landini, nel pieno rispetto delle regole anti Covid e con una presenza limitata di delegate e delegati.

Nei prossimi giorni è previsto un incontro tra parti sociali e azienda per individuare la location, che potrebbe essere il piazzale all’ingresso della fabbrica di viale Brin. “Quella di Landini è una presenza importante, anche per riportare l’attenzione del governo sulla procedura di vendita e sul futuro del sito siderurgico, dopo troppi mesi di silenzio e incertezze”, afferma la Fiom Cgil che ieri ha riunito la sua assemblea generale approvando un documento conclusivo nel quale, tra le altre cose, si conferma il percorso unitario e le rivendicazioni per il futuro delle acciaierie: ricerca di un player con capacità di stare sui mercati internazionali; investimenti per affrontare le transizioni ecologiche e tecnologiche e conferma degli asset produttivi per garantire un milione di tonnellate di acciaio fuso l’anno e gli attuali livelli occupazionali e salariali, sia dei diretti e dell’indotto.

“Preoccupante in questa nuova fase - sottolinea la Fiom Cgil - è il silenzio delle istituzioni locali e del Governo. In particolare il Mise ha da diverso tempo ricevuto la richiesta dei nazionali di Fim, Fiom e Uilm per un incontro dedicato al dossier Ast, ma ancora non è arrivata una risposta”.

La Fiom Cgil di Terni esprime apprezzamento, invece, per il lavoro del Parlamento, che, attraverso una risoluzione in Senato, prevede la possibilità di un intervento dello stato attraverso la Golden Power, che può essere utile, "a patto che lo Stato non sia un semplice ‘prestatore’ di capitale - rimarca la Fiom - ma possa, invece, determinare le scelte di fondo e strategiche dell’azienda”.