Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Foligno, volontari di Plastic free onlus raccolgono 400 chili di rifiuti

  • a
  • a
  • a

Ben 400 chili di rifiuti raccolti. Si è svolta ieri, domenica 18 aprile 2021, a partire dalle 15 la giornata nazionale promossa da Plastic free Odv onlus, associazione di volontariato nata nel luglio del 2019 e che ha l'obiettivo di informare e sensibilizzare più persone possibili sulla pericolosità della plastica, in particolare quella monouso.

 

 

Una giornata di sensibilizzazione che si è svolta in altre 159 città d'Italia. Il raduno dei partecipanti alla speciale raccolta dei rifiuti si è tenuto al parcheggio del Plateatico. Da lì si sono snodati diversi gruppi di intervento che hanno ripulito le aree concordate precedentemente dai referenti dell'associazione che hanno coordinato il progetto. “Purtroppo ci siamo dovuti fermare poiché le condizioni meteorologiche non ci hanno assistito. Se il tempo ci fosse stato d'aiuto avremmo rimosso almeno una tonnellata di rifiuti vista la tanta partecipazione e l'entusiasmo che abbiamo registrato anche tra i più i piccoli” ha detto il referente folignate dell'associazione, Diego Rosi. Al centro dell'iniziativa di ripulitura, che ha anche ottenuto il patrocinio del Comune di Foligno, le sponde del fiume Topino, la Paciana e l'area di via Piave.

 

 

“E’ molto importante che l’associazione sia approdata anche in città – aveva spiegato Rosi nel presentare l’iniziativa - Vogliamo crescere ancora di più poiché la problematica della plastica purtroppo è sempre più pressante e il suo abbandono indiscriminato miete danni gravissimi sia per l’ambiente che per la salute”.  Un fenomeno, quello dell'abbandono dei rifiuti, molto diffuso a Foligno, che nel 2020, considerato anche il fermo causato dal lockdown, ha portato a ben 106 multe erogate da Comune e Vus nei confronti dei trasgressori. Basti pensare che sono 48 le discariche abusive censite nel territorio e per le quali il Servizio ambiente e verde del Comune di Foligno sta procedendo con la bonifica per poter risanare l’ambiente. Secondo gli uffici comunali, nel corso degli ultimi tre anni sono stati contati 110 siti ridotti a discarica abusiva.