Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, murale per ricordare l'allenatore Loris Ricci, scomparso a 42 anni

Massimo Fraolo
  • a
  • a
  • a

Un’iniziativa dal grande significato per tutta la città. L’immagine di Loris Ricci è ora immortalata nel campo di calcio a lui intitolato. È un murale, realizzato su una parete dell’edificio che ospita gli spogliatoi presso l’impianto sportivo dell'antistadio, quello che raffigura l’ex allenatore della Juniores della Nestor, con un passato da calciatore nelle giovanili del Perugia e poi della Ternana, scomparso nel 2013, a soli 42 anni. A realizzarlo, utilizzando vernici ecologiche, è stato l’artista marscianese Edoardo Cialfi. “Il Comune di Marsciano – si legge in una nota dell’ente – ringrazia la famiglia di Loris Ricci per la realizzazione, a proprie spese, del murale”.

“Alla richiesta di realizzare l’immagine, che è pervenuta dalla famiglia – spiega il vicesindaco Andrea Pilatil’amministrazione comunale ha risposto positivamente con molto piacere, fornendo anche un piccolo contributo operativo per i lavori. Si tratta di un’opera che al pregio artistico unisce il valore del ricordo per una figura, quella di Loris, rimasta nel cuore dei marscianesi e di quanti, in particolare, si spendono per avvicinare i giovani alla pratica sportiva valorizzandone in questo modo il ruolo socio-educativo”.

“L’area sportiva intitolata a Loris – aggiunge il consigliere con delega alle attività sportive Angelo Facchinicon il nuovo campo di calcio in erba sintetica, rappresenta un vero e proprio punto di riferimento per l’attività di tanti giovani che fanno sport e che, speriamo, possano presto tornare a riempire questi spazi. Creare le migliori condizioni di uso di tali impianti e garantirne il decoro è una delle attività che vede impegnata l’amministrazione a sostegno dello sport marscianese”. Una iniziativa con la quale si è quindi voluto ricordare l’ex allenatore rimasto nel cuore di tutti scomparso prematuramente e al quale è anche dedicato un memorial che l’anno scorso è stato rinviato a causa della pandemia, al suo posto è stata organizzata una raccolta fondi a favore dell’associazione umbra per la lotta contro il cancro.