Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, è senza licenza e con un'interdittiva antimafia ma chiede i ristori: denunciato

Fra. Mar.
  • a
  • a
  • a

Ha chiesto, e percepito, per ben due volte i fondi stanziati dal governo per dare ristoro alle imprese della ristorazione in difficoltà. Solo che non ne aveva diritto. E questo perché, non solo era stato destinatario di un’interdittiva antimafia emessa dalla prefettura di Perugia, ma anche perché, proprio in seguito all’interdittiva, il Comune di Perugia gli aveva revocato la licenza. Ma, stando a quanto emerso dalle indagini del Gico del Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Perugia, tutto ciò non è bastato al titolare della società che a Perugia gestisce una pizzeria in centro storico e una braceria in zona Settevalli. Tanto che ha chiesto e ottenuto per due volte i ristori.

 

Lo sottolinea il gip Angela Avila che, su richiesta del sostituto procuratore, Paolo Abbritti, ha disposto il sequestro preventivo di somme pari a quelle indebitamente percepite dall’imprenditore, ovvero 14.430 euro. Si tratta di Pasquale Alessi, il legale rappresentante della Mama srl,. che adesso è indagato per indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato. A rendere noto il sequestro, disposto qualche giorno fa dall’autorità giudiziaria, è stata ieri la stessa Procura di Perugia con una nota a firma del procuratore, Raffaele Cantone in cui si parla della “contiguità dei soci e dell’amministratore della società ad ambienti della criminalità organizzata di stampo mafioso”.

 

“Tale circostanza, unita alla successiva revoca della licenza - sta scritto nella nota della Procura -per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande, da parte del Comune di Perugia, determina – secondo l’ormai consolidato orientamento giurisprudenziale – una particolare forma di incapacità giuridica del soggetto economico che, se pur dotato di adeguati mezzi economici e di una altrettanto adeguata struttura organizzativa, non merita la fiducia delle Istituzioni e, di conseguenza, non può essere titolare di rapporti contrattuali con le pubbliche amministrazioni ovvero destinatario di titoli abilitativi, licenze, concessioni, erogazioni, finanziamenti o altre agevolazioni, comunque denominate”.