Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, il Comune infestato dalle zecche. Parassiti in almeno diciassette stanze

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Gli uffici comunali di Palazzo dei Priori a Perugia sono infestati dalle zecche. Scatta così la disinfestazione urgente. Sono almeno 17 le stanze interessate. Nella determina del 9 aprile si evidenzia come sia “necessario attivare un programma straordinario di disinfestazione degli uffici a Palazzo dei Priori interessati dalla presenza di zecche al fine di ripristinare quanto prima le condizioni igienico sanitarie”. Per questo sono stati affidati i lavori di disinfestazione alla società La Perla che ha la convenzione col Comune per le disinfestazioni.

Nelle scorse settimane il personale dell’ufficio contratti ha segnalato che sul davanzale delle finestre a Palazzo dei Priori “sono presenti numerose zecche - è scritto nell’atto di affidamento della disinfestazione - probabilmente dovute dalla presenza di piccioni che hanno nidificato nello spazio esterno tra il Palazzo e l’edificio di fronte”. I parassiti “si sono infiltrati all’interno degli uffici e stanno creando una situazione di pericolo igienico sanitario in quanto vettori di agenti patogeni che possono far insorgere gravi malattie all’uomo”. Per questo “si rende necessario procedere quanto prima ad un intervento mirato delle aree interessate ed al ripristino delle condizioni igienico sanitarie”.

Sono stati richiesti a La Perla un sopralluogo e il preventivo per l’esecuzione dell’intervento. Costo già definito: 740 euro. Lo scorso 6 aprile il personale incaricato dalla ditta ha eseguito un sopralluogo, “ipotizzando, ai fini di combattere l’infestazione delle zecche, di intervenire sia sulle finestre che all’interno degli uffici (almeno 17), mediante erogazione di un insetticida diluito in acqua con principio attivo e l’attivazione di bombolette fumogene per rinforzare il trattamento all’interno degli uffici, la disinfestazione prevede due interventi che verranno fatti a distanza di una settimana l’uno dall’altro”, è riportato nel documento istruttorio.