Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, in arrivo 700 avvisi Tari. Il Comune vuole recuperare 300 mila euro

  • a
  • a
  • a

In arrivo 700 avvisi per infedele dichiarazione della Tari. Si tratta di evasori parziali: persone o enti regolarmente iscritti ma che hanno registrato meno metri dell’effettivo. Il Comune tenta di recuperare così almeno 300 mila euro. Il nuovo piano di riscossione della Tassa rifiuti, attivato dal primo gennaio da Gesenu, va avanti ma in maniera meno vivace del previsto. La guerra all’evasione non può prescindere dalle gravi difficoltà legate all’emergenza sanitaria e così l’intento è quello di concentrare la stretta soltanto su chi veramente ha tentato di fare il furbo, a prescindere dal reale disagio. “Siamo ben consapevoli, invece, delle difficoltà che stanno incontrando tanti cittadini in questo momento - evidenzia l’assessore al bilancio del Comune di Perugia, Cristina Bertinelli - Per questo abbiamo deciso di frenare sui controlli, che comunque vanno avanti, e di metterci al lavoro per tentare di venire incontro ai settori economici che più sono stati colpiti dalla pandemia. Abbiamo destinato più o meno quattro milioni a questo obiettivo. L’approvazione al nuovo piano delle tariffe è slittata al 30 giugno, fino a quel momento avremmo modo di studiare regole e criteri”. Una prima risposta alle richieste che da tempo arrivano dalle associazioni di categoria regionali.

 

Il presidente di Confcommercio Umbria, Giorgio Mencaroni, ha più volte ribadito la necessità di una sospensione della Tari per l’anno in corso, a beneficio di tutte le imprese danneggiate dall’emergenza economica. Mencaroni fa presente come, nonostante la chiusura delle attività e il calo dei rifiuti che a livello nazionale è del 15% rispetto all’anno precedente, l’ammontare della Tari non sia sostanzialmente cambiato. Anche questa problematica verrà sollevata nel corso della manifestazione prevista per domani a Roma dalla Fipe, la Federazione dei pubblici esercizi.  Intanto, per il 21 aprile (dalle 10 ale 13 su piattaforma Zoom) è previsto un webinar sulla tariffa puntuale in Umbria, già applicata nei Comuni di Todi e Torgiano. Moderatore dell’iniziativa, Annalisa Maccarelli, responsabile tributi Gesenu. I sindaci dei comuni interessati spiegheranno le loro scelte e i benefici che ne hanno tratto le comunità interessate. Si passerà poi ad illustrare le scelte regolamentari effettuate, la gestione dei contenitori e svuotamenti, le soluzioni software necessarie.