Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, mamma 27enne muore dopo una festa abusiva a Fontivegge. Indaga la polizia

Esplora:

Francesca Marruco
  • a
  • a
  • a

E’ morta ieri mattina in un appartamento al sesto piano di un palazzo di piazza Vittorio Veneto, a pochi passi dalla stazione. I sanitari del 118 hanno provato a lungo a rianimarla, dopo essere arrivati in quella casa in cui, praticamente fino al loro arrivo, si era tenuta una festa - a dispetto di qualsiasi regola antiCovid - con fiumi di alcolici e forse chissà cos’altro. Medici e infermieri hanno provato il tutto per tutto ma la 27enne è deceduta. Lascia due bambini in tenera età. Li aveva lasciati la sera prima a dormire con il papà dopo che tutti assieme avevano partecipato a un’altra festa in un altro appartamento della zona della stazione di Fontivegge. Sul posto, nella tarda mattinata di ieri, sono intervenuti il sostituto procuratore di turno, Paolo Abbritti, il capo della squadra mobile di Perugia, Gianluca Boiano e i suoi agenti e il medico legale Sergio Scalise Pantuso.

 

 

La morte della giovanissima donna deve essere chiarita: al momento infatti non si esclude nulla tranne la morte violenta. Potrebbe essersi trattato di un malore causato magari dal troppo alcol. Ma non è esclusa nemmeno la pista degli stupefacenti. Sarà l’autopsia a chiarire il tutto. Al momento dell’arrivo della polizia in quella casa non c’erano comunque droghe. 
Quella tra sabato e domenica è stata comunque una nottata di feste proibite. Un paio a una manciata di metri di distanza. Una nell’appartamento in cui è morta, l’altra in una casa di piazza del Bacio in cui sono intervenuti carabinieri e municipale per il gran baccano. la 27enne avrebbe preso parte a entrambe.

 

 

Della festa di piazza del Bacio ha parlato anche il vigilante Lorenzo Brunetti, minacciato dai partecipanti perché ha chiesto loro di smettere di fare rumore anche dopo l’intervento delle forze dell’ordine che li avrebbero identificati senza farli lasciare l’immobile. Sono sette le persone che stavano festeggiando. Erano chiusi in un monolocale. Senza mascherine e con tanto alcol.