Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

San Giustino, operaio travolto da muletto: ricoverato in prognosi riservata

Paolo Puletti
  • a
  • a
  • a

Incidente sul lavoro in una impresa che raccoglie carta da riciclare e la pressa per poi inviarla alla cartiera in via Gonzaga nel comune di San Giustino, poco lontano dall’abitato di Selci.
Secondo ula ricostruzione dei fatti da parte dei tecnici dello Psal della Asl Umbria 1, intervenuti sul posto insieme a  un equipaggio della volante del commissariato di Città di Castello, all’interno del capannone si stava muovendo in retromarcia un muletto con una grossa pila di carta. In quel momento nella stessa zona stava transitando anche un operaio a piedi che è stato travolto dal muletto. Con le ruote gli è passato sopra un arto inferiore.

 

 

Un urlo lancinante ha richiamato l’attenzione generale e subito si è fermato il lavoro. Nel frattempo è stato chiamato un equipaggio del 118, che lo ha condotto al nosocomio tifernate dove l’operaio è stato sottoposto agli esami radiologi, che hanno messo in evidenza una grave frattura scomposta della gamba. Dopo le prime cure l’uomo, di cui non è stata resa nota l’identità, è stato trasferito in riserva di prognosi al Santa Maria della Misericordia di Perugia dove si trova tuttora ricoverato. Da parte dei tecnici dello Psal sono stati effettuati tutti i rilievi del caso ed è stato fornito un primo report sull’accaduto al magistrato di turno alla Procura della Repubblica di Perugia

 

Intanto c'è da registrare novità sull’altro incidente sul lavoro avvenuto a Città di Castello lo scorso 27 marzo. Tre giorni dopo l’uomo coinvolto, Bekim Kunushevci, aveva cessato di vivere all’ospedale di Perugia. Sulla morte del 44enne operaio edile di origine Kosovara, la Procura della Repubblica di Perugia ha aperto un fascicolo per omicidio colposo iscrivendo nel registro degli indagati i due legali rappresentanti dell’impresa edile tifernate per cui lavorava. Staremo a vedere come andrà a finire.