Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino, in Umbria paura Astrazeneca: mille disdette al giorno. Coletto: "Cambio per gli under 60, avranno Pfizer"

  • a
  • a
  • a

Novità sul vaccino anti Covid in Umbria. E' la Regione a diramare un comunicato ufficiale in cui spiega alcuni cambiamenti che avverranno già nelle giornate di venerdì 9 aprile che sabato 10. Nella nota si spiega che i cittadini umbri con un'età inferiore ai 60 anni e che hanno effettuato la prenotazione per la somministrazione del vaccino Astrazeneca "in attesa di eventuali ulteriori disposizioni nazionali" saranno invece vaccinati con dosi di Pfizer.

E' l'assessore regionale alla Salute, Luca Coletto, a spiegarlo nella nota. Quindi per under 60 non più Astrazeneca ma Pfizer. Coletto spiega anche che nel corso degli ultimi giorni, a partire da lunedì, mediamente le persone che hanno disdetto la prenotazione per la somministrazione del vaccino Astrazeneca sono state mille al giorno. L'assessore puntualizza che "ad oggi abbiamo superato le 5 mila disdette e gli operatori del Nus, che ricevono solitamente intorno alle 4 mila chiamate quotidiane, si sono trovati a dover gestire in questa settimana circa 22 mila telefonate per ogni giornata, con richiesta di chiarimenti”.

Quindi l'assessore invita i cittadini che si sono prenotati per le prossime giornate ad evitare la disdetta e presentarsi regolarmente "perché le vaccinazioni proseguiranno, sia venerdì che sabato, con il vaccino Pfizer per tutti i soggetti che non hanno superato i 60 anni, con l’auspicio che, già nelle prossime ore, arrivino disposizioni chiare e rassicuranti per chi dovrà vaccinarsi con questa tipologia di vaccino”. In pratica dunque sostituzione del vaccino per evitare ulteriori disdette da parte di chi teme di farsi iniettare il farmaco che è stato prodotto da Astrazeneca. Le disdette negli ultimi giorni sono state numerose in tutte le regioni italiane, nonostante le rassicurazioni degli esperti e delle agenzie per il farmaco. La Regione Umbria, quindi, per andare avanti con la campagna ed evitare una frenata, ha deciso di garantire agli under 60 la somministrazione delle dosi Pfizer.