Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, 970 candidati in corsa per 30 posti di lavoro in Comune. Sbloccati i concorsi

Antonio Mosca
  • a
  • a
  • a

A Terni sono 970 le domande finora presentate per i 30 posti di lavoro a tempo indeterminato messi a concorso dal Comune nei prossimi tre anni. Proprio in questi ultimi giorni la giunta Latini, su proposta dell’assessore Scarcia, ha varato il piano del fabbisogno di personale che di fatto sblocca i concorsi, fortemente rallentati in questi anni a causa del dissesto e del Covid-19. Per quanto riguarda le progressioni verticali, cioè gli avanzamenti di carriera interni, si tratta di 12 profili professionali per polizia locale, tecnici e amministrativi. Poi ci sono 15 posti di lavoro così ripartiti nel 2021: otto nella polizia locale, di cui un coordinatore di vigilanza, due informatici, altrettanti periti industriali e tre geometri.

In più sono stati aggiunti cinque coordinatori contabili per i quali si procederà con un ulteriore concorso pubblico. Particolare attenzione sarà riservata alla polizia locale dove le assunzioni nel triennio saliranno a quota 23: cinque coordinatori e 18 istruttori di vigilanza. Le domande di partecipazioni presentate per questi due profili sono in tutto 684, di cui 548 per istruttore e 136 per coordinatore di vigilanza. Seguono 189 istanze per istruttore geometra, 50 per perito industriale e 47 per informatico. “Prima dell’estate - assicura l’assessore al Personale, Giovanna Scarcia - avrà inizio la stagione dei concorsi con le prove preselettive e tutto il resto.

Dal mese di maggio saranno possibili anche le prove scritte in presenza nel rispetto di adeguate misure di sicurezza anti-contagio, ma senza più il limite massimo dei 30 candidati”. Al primo gennaio scorso i dipendenti del Comune erano 647 rispetto ai 731 previsti dalla pianta organica in base al dissesto. Ma se si dovessero utilizzare i parametri di legge commisurati al numero degli abitanti della città, allora i numeri salirebbero a più di 900. Da considerare anche le cessazioni dovute ai pensionamenti. La previsione per il 2021 è di 32 con una media che, in questi ultimi anni, ha oscillato tra i 25 e i 30.