Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, viola regole anti Covid per andare a prostitute: pesante multa

  • a
  • a
  • a

A Perugia in via Canali sono scattati daspo urbani per due rumene per condotte di pregiudizio alla sicurezza urbana in area sottoposta a prescrizioni. Un uomo è giunto nel capoluogo da un altro comune al fine di avvicinare prostitute: è stato sanzionato secondo la normativa anti Covid per aver effettuato uno spostamento ingiustificato, dovrà quindi pagare la pesante multa. Una ulteriore sanzione anche per una persona che, nei pressi della stazione ferroviaria di Perugia e dinanzi agli agenti, si è rifiutata di indossare la mascherina di protezione.

Inoltre un uomo è stato denunciato per essersi rifiutato di sottoporsi agli accertamenti relativi alla guida sotto l’effetto di droghe e come accade in questi casi gli è stata ritirata la patente. Ancora: il questore di Perugia, Antonio Sbordone in applicazione dell’articolo 100 del Tulp, ha disposto la chiusura per dieci giorni del distributore automatico di bevande di corso Garibaldi. L’esercizio commerciale era ormai diventato epicentro delle segnalazioni da parte dei residenti per attività di spaccio di sostanze stupefacenti e risse. La questura di Perugia, partendo dalle segnalazioni dei residenti, ha dato il via ad azioni di monitoraggio e di controllo approfondito del territorio che ha permesso di procedere all’identificazione di loschi personaggi che avevano probabilmente individuato nel locale la base operativa per i loro traffici e quindi ha disposto la chiusura considerata ancora più efficace in un periodo come quello attuale.

Nei giorni di Pasqua i controlli nel territorio umbro e in particolare in quello di Perugia, capoluogo della regione, saranno ancora più intensi, proprio per verificare che le restrizioni decise per cercare di arginare la diffusione del virus, vengano rispettate. Controlli ovviamente non soltanto nei centri storici, ma anche nelle aree verdi dove è sempre possibile che si verifichino assembramenti e che quindi non vengano rispettate le regole che sono state imposte a livello nazionale.