Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Piazzapulita, Calenda: "Confermo candidatura a sindaco di Roma. Virginia Raggi ha fatto un macello"

  • a
  • a
  • a

Carlo Calenda a Piazzapulita conferma: "Sarò candidato sindaco di Roma". Durante la puntata di giovedì 1 aprile, il leader di Azione risponde in maniera decisa alla domanda del conduttore, Corrado Formigli: "Sono candidato sindaco della capitale dal giorno di grazia 12 ottobre. Dopo aver parlato con l'allora segretario nazionale del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, in assenza di candidati del suo partito, gli ho comunicato che partivo. Gli ho chiesto di cercare di lavorare insieme. Ho aderito ad un tavolo di centrosinistra che non ha discusso nulla di concreto e si è fermato ogni volta che Virginia Raggi rischiava di essere condannata o doveva magari andare a fare il ministro nel governo Conte terzo".

Poi il giudizio su Virginia Raggi come sindaca: "Ha fatto un vero macello a Roma. Ma io gli ho dato tutta la mia solidarietà, perché l'idea che invece di affrontarla alle urne devi sperare che venga condannata oppure darle un posto altrove per toglierla dla Comune, non è accettabile. Meglio affrontarla alle urne". Poi una analisi politica: "Il Partito Democratico sostiene che a Roma con Virginia Raggi non ci vuole correre perché il governo 5 Stelle è stato disastroso. E allora c'è il punto per fare un lavoro insieme".

Formigli chiede se ha già parlato con Enrico Letta, diventato in seguito alla sua candidatura segretario nazionale del Pd: "Cavolo, ci siamo visti. Con Enrico ci vediamo e ci sentiamo. E' stato il mio primo presidente del Consiglio. Gli ho detto: da sei mesi lavoro sui programmi, sono andato municipio per municipio, ho incontrato cinquecento associazioni. Facciamo un lavoro in cui scegliamo la squadra e il programma insieme. Sediamoci e discutiamo. Ma se ogni volta dite di fare le primarie, che servono solo per prendere tempo...". Primarie che lui non è disponibile a sostenere: "Sono state già annunciate due volte e annullate. Servono solo per spingere più avanti la decisione e sperare che magari cambi idea e si candidi Nicola Zingaretti". Clicca qui per l'intervista di Carlo Calenda.