Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Poliziotti e carabinieri aggrediti a Spoleto e Cannara: due in manette

  • a
  • a
  • a

A Spoleto prende a calci due agenti e tenta anche di scagliarsi contro di loro con una testata, ma viene schivato. Un quarantatreenne è stato arrestato nella serata di lunedì 29 marzo, intorno alle 20, dagli uomini della squadra volante che insieme agli agenti della polizia municipale sono intervenuti nel giardino pubblico del quartiere delle Casette per un controllo anti Covid 19 per verificare il rispetto delle restrizioni. L'uomo, di origine campana ma residente a Spoleto da diversi anni, ha rifiutato di sottoporsi al controllo e quindi di mostrare i propri documenti agli uomini del commissariato, per poi dare in escandescenze e aggredirli con violenza.

Il 43enne, gravato da diversi precedenti, si è improvvisamente scagliato contro i due poliziotti con calci e pugni, per poi tentare di colpire con una testata uno dei due, ma senza riuscirci. Dopo una breve colluttazione gli uomini delle forze dell'ordine sono riusciti a immobilizzarlo e a perquisirlo, trovandogli addosso un coltellino con una lama di pochi centimetri. L'uomo è stato quindi portato in commissariato dove è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, mentre i due poliziotti della squadra volante sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari per le lievi escoriazioni riportate durante la colluttazione. Entrambi sono poi stati dimessi con una prognosi di sette giorni ciascuno. 

Un caso di minacce e resistenza a pubblico ufficiale (e guida in stato ebbrezza) anche a Cannara. I carabinieri agli ordini del tenente colonnello Marco Vetrulli, hanno arrestato un cinquantenne del postoche, dopo aver provocato un incidente stradale in via Assisi, nonostante l’alt imposto dai carabinieri, si è rimesso alla guida della propria autovettura, con il parabrezza rotto, fuggendo nonostante i ripetuti inviti a fermarsi. Nemmeno l’inseguimento dei militari con tanto di lampeggianti e paletta sventolata fuori dal finestrino lo hanno spinto a fermarsi, fin quando all’auto dell’uomo non è scoppiata una ruota. Prontamente raggiunto e bloccato dai militari, il cinquantenne è risultato positivo con un tasso alcolemico di 1.93 g/l, quasi quattro volte superiore al limite massimo consentito, con conseguente denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Spoleto e ritiro della patente di guida. Visto il suo forte stato di agitazione però si è reso necessario l’intervento di una seconda pattuglia. Anche in presenza di testimoni, i cittadini affacciati dalle finestre, il 50enne ha minacciato ripetutamente i militari. Arrestato e posto ai domiciliari, l’uomo è stato poi condannato dopo la direttissima all’obbligo di firma. L’esito dei controlli stradali dei carabinieri di Cannara negli ultimi giorni ha portato a due denunce, un sequestro, tre patenti ritirate, 40 punti decurtati e 3 sanzioni amministrative per violazione della normativa relativa al contenimento della diffusione del Covid 19.