Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cuochi d'Italia, Rosita dà i voti: dai fornelli alla giuria: che esordio!

  • a
  • a
  • a

Da cuoca ha vinto tutto e di più. Prima è stata incoronata come regina di Cuochi d’Italia, poi ha stravinto anche Cuochi d’Italia All Stars. Ma da ieri sera lunedì 29 marzo 2021,  Rosita, la grande Rosita Merli, ha sorpreso tutti con una straordinaria performance come giudice della trasmissione Cuochi d’Italia Under 30, il nuovo programma di TV8 condotto dallo chef viareggino Cristiano Tomei andato in onda ieri sera con la prima puntata alle 19,30. 
Rosita in qualità di giudice ha sorpreso positivamente anche perché ha confermano le innate doti di “animale da palcoscenico”, così come Cristiano Tomei ha saputo fare da par suo gli onori di casa e ha definito la popolare cuoca eugubina come la “maestra delle cotture lente”. Con loro gli chef Gennaro Esposito e Diego Rossi. 

 


La nostra Rosita, insieme ad altri tre campioni di Cuochi d’Italia, ha assaggiato e votato i piatti dei giovani chef professionisti in gara: dalla Sicilia Andrea, di 19 anni (lavora in una azienda di catering, ha iniziato con il padre chef e la nonna) e dal Piemonte Alessandra 18 anni (studentessa al quinto anno dell’istituto alberghiero a Torino). In un paio di occasioni Tomei l’ha coinvolta nella discussione sulla tecnica per cucinare i piatti con i sapori antichi.
Per la cronaca la puntata l'ha vinta Andrea con 32 voti contro i 31 di Alessandra. 

 

 


La cuoca eugubina è seguita sempre dalla figlia, la simpatica e anche lei bravissima cuoca Nadia Biancarelli. E con loro il noto fotografo professionista Mattia Baldelli Passeri (che è anche il manager) che cura l’immagine e il look di Rosita grazie anche alla collaborazione dello stilista cinese Tristan Song che realizza i capi presso la famosa Sartoria Eugubina, un brand, una maison che si sta imponendo a livello internazionale.
Rosita è un vulcano. Oltre che in televisione, è impegnata su altri fronti. In primis ha il suo regno nella sua Osteria del Bottaccione, il ristorante situato nell’omonima Gola, riconosciuta un sito di rilevanza scientifica mondiale per ciò che concerne l’estinzione dei dinosauri e meta di migliaia di studiosi provenienti da tutto il mondo che arrivano a Gubbio per studiare proprio le rocce del Bottaccione. Poi ha scritto il fortunato libro di ricette “La cucina secondo Rosita”, a Natale ha firmato la ricetta del Panettone con il Tartufo, e adesso è in pista con il “Tortone dolce” al tartufo nero, cioccolato Caffarel e fichi caramellati realizzata con Giordano Berettini del Panificio Baldinucci a Padule e con i tartufi di Papa tartufi.