Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, bandito armato assalta farmacia e fugge con migliaia di euro

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Rapinatore solitario in azione nella tarda mattinata di lunedì 29 marzo, a Terni, alla farmacia Aita in viale della Stazione (nella foto di Stefano Principi). L’uomo, armato di pistola, si è fatto consegnare l’incasso dai farmacisti presenti e si è poi dileguato a piedi. Ancora da calcolare l’esatto importo del bottino. Sul posto è intervenuta la polizia che ha avviato le indagini. Pare che la scena sia stata ripresa dalle telecamere a circuito chiuso della stessa farmacia. Non ci sono stati feriti, ma la paura tra i presenti è stata molta. All’interno, al momento del raid, non c’erano clienti.

Il bandito che indossava una mascherina avrebbe tradito un'inflessione dialettale romana. Il revolver usato dal bandito era di colore grigio e senza tappo, ma gli inquirenti non escludono che possa trattarsi di una scacciacani modificata per fare più paura. Il titolare della farmacia è rimasto nel retro da dove ha visto il rapinatore in azione. Tempestivo l’intervento della squadra mobile, ma nel frattempo il bandito è riuscito a dileguarsi. E forse a poca distanza c’era un complice che l’attendeva in auto con il motore acceso. L’uomo è stato ripreso dalle telecamere di sicurezza della farmacia ed erboristeria che si trova in città da più di 60 anni. 

“E’ andata bene così - racconta il titolare, Marco Giordanelli - ma la paura c’è stata anche se la rapina è durata pochi istanti”. Il bandito solitario era stato notato da alcuni passanti poco prima mentre si aggirava in viale Cesare Battisti come se stesse cercando qualcosa. Non si esclude che avesse pianificato il colpo con l’aiuto di un basista. Quando è piombato in farmacia ha giocato di sorpresa. E’ entrato con la mascherina sul volto come uno dei tanti clienti, ma in pochi minuti ha chiarito le sue vere intenzioni. Sul posto per i rilievi anche gli uomini della scientifica. A giugno un’altra rapina era stata messa a segno a corso Tacito ai danni della farmacia comunale. E in quel caso il bandito aveva sparato in aria un colpo di pistola che si era conficcato su uno scaffale.