Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, due ragazzine aggredite da un gruppo di minorenni: sette identificati. Partono le denunce

Patrizia Antolini
  • a
  • a
  • a

A Perugia due ragazzine ieri pomeriggio, domenica 28 marzo, sono state aggredite da un gruppo di coetanei. E’ accaduto a Madonna Alta tra il parco Chico Mendez e via Guerra. Alla fine la polizia ha identificato sette minorenni e ha invitato le due ragazze a sporgere denuncia su quanto accaduto e a farsi refertare al pronto soccorso. Secondo una prima ricostruzione un gruppo di una quarantina di minorenni si trovava nella zona del parco: da lì sarebbero stati invitati ad allontanarsi. Proprio da questa richiesta, secondo alcuni testimoni, sarebbe scattata la reazione eccessiva del gruppo di adolescenti.

Arrivati sotto ai condomini di via Tilli avrebbero sfogato la loro rabbia contro alcune auto e poi nei confronti di due ragazzine probabilmente per vecchie ruggini partite dai social. Le giovani sono fuggite dentro uno dei condomini e alcuni residenti hanno chiamato la polizia che giunta sul posto ha cercato di capire cosa fosse accaduto: alcuni minorenni coinvolti sono stati inseguiti e identificati e quindi riconsegnati alle famiglie. Intanto il Comune si muove per gli episodi accaduti in centro sabato pomeriggio. Per almeno quattro dei ragazzi identificati dopo gli scontri in centro storico l'amministrazione chiederà la quarantena obbligatoria precauzionale di 14 giorni.

E’ quanto annuncia l’assessore comunale alla sicurezza, Luca Merli, che sabato pomeriggio era in centro storico per coordinatore i gruppi di volontari della protezione civile. Scontri e risse son stati segnalati in via Marzia, Piazza Cavallotti, Piazza Piccinino e via Mattioli. Due multe sono state elevate per mancato utilizzo della mascherina. L’ordinanza che propone Palazzo dei Priori, con annesso tampone per verificare la positività, è sulla falsa riga di quelle già emesse per le risse del lockdown di marzo e aprile 2020, per i quali i partecipanti sono finiti sotto processo.