Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Assisi, controlli dei carabinieri: 19 persone sanzionate per aver violato le norme anti Covid

  • a
  • a
  • a

Controlli dei carabinieri della compagnia di Assisi, in tre giorni sono 33 le multe e le denunce effettuate. Per quanto riguarda le violazioni delle norme per il contrasto alla diffusione del Covid, sono 19 le persone sanzionate. Gli uomini dell’Arma dei vari reparti della compagnia di Assisi, agli ordini del tenente colonnello Marco Vetrulli, con oltre 60 pattuglie hanno controllato 346 autovetture e 396 persone.

 

 

Sono state denunciate otto persone in stato di libertà. Tra queste c’è chi dovrà rispondere di lesioni personali, minacce, truffa e rissa. Inoltre, sono state elevate 14 sanzioni per violazioni inerenti il codice della strada. Per quanto riguarda la vigilanza in materia Covid i militari hanno controllato 262 autovetture e 298 persone, oltre a 82 esercizi commerciali, acquisendo 95 autocertificazioni. Diciannove in totale le persone sanzionate e per l’inosservanza dei decreti anti-Covid 19 ex articolo 4 comma 1 decreto legge 25.03.2020. I controlli sono stati condotti dai carabinieri grazie all’intensificazione dei servizi, contro ogni forma di criminalità e per il contrasto alle violazioni della normativa anti-Covid, ma è alta anche l’attenzione sulle principali arterie stradali e quelle minori circa il rispetto del codice della strada.

 

 

Svariate, nel corso del tempo, le violazioni alle normative anti Covid 19 rilevate nel territorio: a fine febbraio la municipale guidata da Antonio Gentili aveva redatto otto verbali elevando altrettante multe nei confronti di persone che, incuranti delle regole imposte in quanto zona rossa, erano a spasso e mangiavano e bevevano in piazza. Circa un mese fa a Bastia Umbra, invece, la polizia di Stato agli ordini del vicequestore aggiunto Francesca Domenica Di Luca aveva scoperto un garage trasformato in una sorta di circolo in cui cinque uomini, tutti cinquantenni di nazionalità albanese, si ritrovavano per bere e giocare a carte. Tra fine 2020 e inizio 2021 non erano mancate le multe per gli automobilisti che si erano recati sul monte Subasio nonostante il divieto di spostamento.