Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, gli over 80 che hanno avuto la seconda dose sono 7.542: ci sono altri 31 mila prenotati

Fra.Mar. e Ale.Ant.
  • a
  • a
  • a

Da ieri la campagna vaccinale ha cambiato strategia. Con lo stop alle categorie, ecco lo stato dell'arte per le fasce/categorie più numerose già coinvolte nella vaccinazione. Da questa analisi emerge che sono 7.542 gli over 80 che in Umbria hanno ricevuto la seconda dose di vaccino. In tutto, in quella fascia di età, alla data del 22 marzo, erano 28.093 coloro che avevano ricevuto almeno una dose. 

 


Oltre a questi 28.093 over 80 già almeno in parte vaccinati, ce ne sono altri 31.436 che hanno prenotato un appuntamento per avere la loro dose. Ad 8.700 di questi, ovvero coloro a cui il primo appuntamento era stato dato per maggio, sono stati inviati degli sms per invitarli ad anticipare il loro turno ad aprile vista la nuova: fino adesso hanno aderito in circa 4.000. In totale comunque, la platea degli over 80 conta poco più di 90.346 persone, questo vuole dire che all’appello, tolti i già vaccinati e i prenotati ne mancano 30.817. A questi vanno sottratti gli over 80 non deambulanti a cui i medici di famiglia stanno somministrando i vaccini Moderna a domicilio. Si tratta di circa 9 mila persone. Restano comunque 21 mila over 80 che mancano ancora all’appello. 

 


Per quanto riguarda invece la categoria degli operatori scolastici docenti e non docenti, come già anticipato dal Corriere dell’Umbria manca ancora una grossa fetta degli aventi diritto: ovvero 9.911 persone. Sono infatti (sempre alla data del 22 marzo) 16.224 le persone che hanno ricevuto la prima dose. Oltre queste, ci sono solo altre 1.859 prenotazioni della stessa categoria. Il che vuole dire che solo 18.083 su un target di 27.994 si è fatto vivo. Per quanto riguarda infine la categoria dei sanitari, i primi ad aver iniziato il ciclo della vaccinazione, in tutto si tratta di 36.321 persone. Di queste hanno ricevuto almeno la prima dose in 25.171, mentre 17.715 anche la seconda. Ci sono poi 3.071 prenotati che devono essere vaccinati. Il che vuole dire che per immunizzare l’intera categoria mancano 8.079 persone. Infine il capitolo anziani nelle Rsa: di 3 mila anziani hanno ricevuto prima e seconda dose in 2.603. Sono invece 2.932 quelli che hanno ricevuto anche solo la prima. Le prossime mosse del piano vaccinale prevedono l’apertura - non ancora esplicitata nell’organizzazione - delle somministrazioni ai ‘superfragili’: circa 80 mila persone che attendono da tempo, troppo forse, la loro prima dose. Sempre a partire dall’inizio di aprile, sembra immediatamente dopo Pasqua, anche le persone di età compresa tra 70 e 79 anni avranno il loro vaccino. Saranno chiamati dai loro medici di base e andranno a farlo negli studi medici.