Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, nuova manifestazione di protesta dei lavoratori Treofan davanti al Comune

  • a
  • a
  • a

Alta tensione tra i lavoratori della Treofan che, alle 9 e 30 di martedì 23 marzo, nel rispetto delle regole anti-pandemia, effettueranno un sit in di fronte alla sede del Comune di Terni. La lunga vertenza si era conclusa il 25 febbraio con un accordo che tra l’altro prevedeva l’avvio di 12 mesi di cassa integrazione straordinaria per tentare la reindustrializzazione del sito, ma subito dopo si è inserita l’inchiesta della Procura. Il 10 marzo il liquidatore, l’avvocato Ettore Del Borrello, ha inviato al ministero del Lavoro la richiesta di Cigs. Le parti sociali hanno la necessità di capire come gestire la situazione. Tecnicamente i lavoratori non sono stati licenziati, e pretendono il pagamento degli stipendi da parte del gruppo indiano Jindal. La busta paga di marzo, in arrivo, potrebbe però contenere sorprese.

Per il delegato della Rsu della Uiltec Uil Fabio Boncio “la busta paga sarà negativa e degli operai dovranno restituire parte dei soldi perché Treofan anticipa stipendi e salari”. Per l’altro delegato Davide Lulli, della Filctem Cgil, invece, “la busta paga di marzo dei lavoratori sarà pari a 0 per tutti coloro che non hanno lavorato e sarebbe stata comunque pari a zero anche nel caso in cui fosse stata già concessa la Cigs, vista la mancata volontà dell’azienda di anticiparla”. I lavoratori restano in attesa, ma intanto sono senza reddito. La palla passa adesso al ministero del Lavoro, che dovrà decidere di dare il via alla cassa integrazione straordinaria.

Occorre accelerare anche sulla reindustrializzazione di Treofan e dell’intero polo chimico della Polymer per sfruttare le risorse europee, quanto previsto dall’area di crisi complessa e utilizzare al meglioi nuovi finanziamenti. Per la segreteria provinciale della Filctem “non si possono lasciare le persone nell'incertezza lavorativa nascondendosi dietro l'eventuale tempo a disposizione per progettare”. Intanto la mobilitazione dei lavoratori del sito industriale ternano di piazzale Donegani va avanti.