Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, Fattorie Novelli: slitta ancora il bando per la vendita della filiera uova

  • a
  • a
  • a

Che fine ha fatto il bando per la vendita del ramo uova dell’ex gruppo Novelli? Tornano a chiederlo con forza Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil dell’Umbria, che sottolineano la “sempre più forte preoccupazione” di lavoratrici e lavoratori e chiedono risposte alle due procedure fallimentari (quella di Alimentitaliani, ex gruppo Novelli, e quella di Fattorie Novelli Agricole). “Da quanto ci era stato comunicato nei mesi passati - affermano i sindacati - a questo punto il bando avrebbe dovuto essere già stato pubblicato. Ricordiamo l’importanza di trasferire a imprenditori seri la business-unit uova, che detiene la commercializzazione del marchio Ovito di rilevanza nazionale, e il passaggio delle quote degli allevamenti siti in Spoleto e Casalta/Amelia”. 

 

Per i sindacati servono imprenditori che abbiano le capacità per dare continuità e sviluppo all’azienda, con un piano industriale serio e duraturo nel tempo. "Non ci sono più margini se vogliamo garantire continuità produttiva e mantenimento occupazionale, in una regione falcidiata da logoranti vertenze di lavoro - insistono Flai, Fai e Uila - Pertanto chiediamo a tutti i soggetti interessati, che ogni azione messa da loro in campo sia a salvaguardia di questo patrimonio produttivo e occupazionale, tenendo conto che parliamo di un'azienda alimentare, con presenza di allevamenti".

Le tre sigle dei lavoratori evidenziano poi la delicata situazione di Fattorie Novelli Agricola messa in liquidazione, con una forte esposizione debitoria. "Si attende con trepidazione il giudizio del tribunale di Terni sull’assegnazione dell’asta giudiziaria dei capannoni di Casalta - sottolineano ancora Flai, Fai e Uila - Chiediamo quindi al liquidatore delle Fattorie ed ai curatori delle due procedure di favorire al più presto tale passaggio, che dia continuità a tutti gli sforzi fatti fin qui dai dipendenti nel mantenere le attività in piedi”.  Insomma, è viva la preoccupazione per la mancanza del bando di vendita della filiera uova.