Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, ruba al supermercato: scoperta, fermata e denunciata

  • a
  • a
  • a

Ruba merce in un supermercato di Perugia ma viene notata dalla sicurezza e poi denunciata dalla squadra volante della polizia. L’allarme è scattato in un esercizio commerciale della zona di Ponte Felcino quando è partita la richiesta di intervento da parte degli addetti. La volante della polizia che si trovava nei pressi per i normali servizi di prevenzione e controllo è riuscita a portarsi sul posto nel giro di pochi minuti. Gli agenti si sono trovati davanti un uomo che, all’interno del parcheggio del centro commerciale, stava cercando di richiamare l’attenzione dei poliziotti impedendo allo stesso tempo a una macchina di allontanarsi. 

Gli agenti hanno immediatamente identificato la donna all’interno dell’autovettura in questione: si trattava di una cittadina extracomunitaria di origini moldave, 38 anni, in regola col permesso di soggiorno e senza precedenti di polizia. A seguito del controllo, gli agenti hanno trovato ben nascosto all’interno dell’autovettura uno zaino con all’interno una busta in plastica blu, esattamente come descritto poco prima dall’addetto alla sicurezza dell’esercizio commerciale. Nella busta c’era tutta la merce rubata al supermarket per un totale di circa 40 euro. La donna è stata denunciata all’autorità giudiziaria per il reato di furto aggravato. 

Arrestato - Gli agenti del commissariato di Città di Castello hanno arrestato a Torgiano un tifernate di 30 anni che ha violato la misura della libertà vigilata. Responsabile in passato di numerosi reati contro il patrimonio e legati agli stupefacenti, segnalato più volte all’autorità giudiziaria per le numerose violazioni della misura, negli ultimi giorni si era reso irreperibile. Grazie alle indagini, il personale del commissariato lo ha rintracciato a Torgiano. Oltre al provvedimento che trasformava la libertà vigilata in detenzione, a suo carico c’era anche un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla procura della Repubblica presso il Tribunale di Perugia: l’uomo infatti deve scontare una pena a un anno e sei mesi. E' stato trasferito a Capanne.