Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, festa abusiva a Marsciano: quarantena obbligatoria, sanzioni e denunce

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Quarantena obbligatoria di 14 giorni per i partecipanti alla festa abusiva in villa che si è svolta in Umbria. E’ stata firmata dal sindaco del Comune di Marsciano, Francesca Mele, l’ordinanza “precauzionale e preventiva” per tutta la famiglia che sabato pomeriggio in occasione del diciottesimo compleanno del figlio ha ospitato oltre 20 persone in un seminterrato. Lo stesso provvedimento sarà inviato a tutti i partecipanti che sono ancora in via di identificazione. Oltre alle sanzioni per la normativa anti Covid sono al vaglio profili penali per resistenza: i partecipanti, infatti, una volta scoperti si sono barricati in casa per ore, per cercare di evitare le contravvenzioni. Fuori c’erano la polizia locale e i carabinieri di Todi. Alla fine la maggior parte dei giovani è scappata per i campi. Ma i contadini della zona hanno scattato foto della corsa: tutto il materiale è ora al vaglio degli inquirenti.

Il dipartimento di Protezione civile e la polizia locale di Marsciano confermano che sono “diversi i reati che sono stati ipotizzati per le condotte perpetrate dai proprietari e dai circa 20 giovani, molti provenienti da fuori comune” e cioè da Perugia. La quarantena con isolamento obbligatorio è già stata adottata in passato nello stesso Comune per una festa ad Ammeto, in un condominio ,e per una messa celebrata nella stessa frazione in periodo di lockdown. In questo caso è giustificata anche dal rischio rappresentato dalle varianti: impatto maggiore sulle fasce d’età più basse e un periodo di incubazione fino a due settimane. Oltre alla quarantena è annunciato anche lo screening per gli stessi soggetti identificati. Che rischiano oltre a 3-4 sanzioni a testa: per divieto di assembramento, spostamento ingiustificato, non utilizzo della mascherina, ma è al vaglio anche la festa abusiva. 

Intanto il dipartimento comunale preposto all’emergenza ha acquisito all’anagrafe l’identità di coloro che compiranno diciotto anni da qui a Pasqua: sono annunciati controlli casa per casa a partire dalla giornata di oggi, martedì 16 marzo. L’obiettivo è evitare il ripetersi di eventi come quello di sabato scorso. Ma i controlli non si limitano alle abitazioni private. Ieri in un bar sono state elevate tre sanzioni da quattrocento euro l’una per il titolare del locale e due avventori scoperti a consumare dentro l’esercizio