Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orvieto, compie atti osceni nell'auto davanti a due ragazze: denunciato un 45enne

Davide Pompei
  • a
  • a
  • a

Un 45enne orvietano, già noto agli uffici di polizia, è stato denunciato per atti osceni in luogo pubblico. Li ha compiuti di fronte a due ragazze che, nel tardo pomeriggio di sabato 13 marzo 2021, scambiavano due chiacchiere a bordo dell'auto di una delle due.

L’uomo, indossando un paio di occhiali scuri, ha parcheggiato la propria auto molto vicina alla loro ed ha iniziato a guardarle insistentemente. Dopo qualche minuto, ha reclinato il sedile ed ha iniziato a toccarsi nelle parti intime in maniera piuttosto evidente. A quel punto le due ragazze, con un certo imbarazzo, hanno deciso di andarsene da lì a bordo delle rispettive auto. Una delle due, lungo il tragitto, ha incontrato una pattuglia della polizia stradale e, piuttosto scossa, ha raccontato agli agenti quanto accaduto.

Questi hanno raggiunto il luogo ed hanno trovato l'uomo, ancora a bordo della sua auto, in sosta esattamente nel punto indicato dalla ragazza. Il 45enne è stato, quindi, accompagnato negli uffici della polizia stradale e, al termine degli accertamenti, è stato denunciato all'autorità giudiziaria.

L'attività è stata svolta nell'ambito dei servizi predisposti per il controllo del rispetto delle norme anti-Covid. Per limitare le occasioni di contatto e quindi contagio, il questore di Terni, Bruno Failla, ha emanato, infatti, un'ordinanza disponendo lo svolgimento di servizi mirati, finalizzati alla verifica degli obblighi derivanti dagli ultimi Dpcm e all’osservanza delle misure anti-Covid contenute nell'ordinanza regionale.

Nel corso dei controlli, particolare attenzione è stata rivolta ad evitare che ad Orvieto potessero crearsi assembramenti e situazioni di criticità, con servizi interforze, che sono stati attuati, in concomitanza con gli orari di punta. In campo, il personale del commissariato, i militari dell’Arma, la tenenza della Guardia di finanza e ancora polizia locale, stradale e ferroviaria. Nel solo pomeriggio di sabato 13 sono state così identificate 85 persone e contravvenzionate 35 per violazione della normativa anti-Covid con multe fino a 400 euro.

Alcuni cittadini sono stati sanzionati perché si erano recati ad Orvieto da altre regioni senza giustificazione. Altri perché consumavano bevande alcoliche all’aperto in luoghi pubblici. Altri ancora perché si erano assembrati in luoghi pubblici senza il previsto distanziamento interpersonale. In alcuni casi, infine, dal momento che tra di loro c’erano anche minorenni, sono stati chiamati i genitori.