Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Spoleto, si insedia il commissario prefettizio Tiziana Tombesi

  • a
  • a
  • a

 È il bilancio previsionale, e quindi sia le tasse che le tariffe per i servizi, la prima pratica pronta sul tavolo del commissario prefettizio Tiziana Tombesi, il prefetto a riposo da appena due mesi, ma attesa già oggi lunedì 15 marzo in Comune a Spoleto dopo la sfiducia al sindaco approvata giovedì scorso dal consiglio.

Il rischio, però, è che la manovra economica 2021 diventi subito una corsa contro il tempo per il commissario, perché al momento la scadenza del 31 marzo, termine ultimo per l'approvazione del bilancio, non è stata ancora prorogata. Subito tasse e tariffe, dunque.

 

Intanto continua il dibattito dopo l’approvazione della mozione di sfiducia contro l’ormai ex sindaco De Augustinis. E’ la volta di Maria Elena Bececco: “E' evidente a tutti, oramai, quanto gli interessi della politica dei partiti siano lontani dalle esigenze di città come Spoleto, pedine facilmente sacrificabili in uno scacchiere di gran lunga più grande di loro. La sfiducia all'ex sindaco De Augustinis, contro il quale ho corso in campagna elettorale e al quale, durante il mandato, non ho risparmiato critiche feroci riguardo la gestione dei processi decisionali, è emblematica. Come ho avuto modo di ribadire più volte a gran voce, la mia linea di ferrea opposizione all'ex giunta De Augustinis si è interrotta non appena la seconda ondata di pandemia da Covid 19 ha investito Spoleto colpendola al cuore, con la decisione della sanità regionale di privare dal giorno alla notte la città del suo ospedale San Matteo degli Infermi, convertito pressoché interamente in Covid hospital. Non si può lasciare una città senza rappresentanti di alcun genere: niente sindaco, niente consiglio, nessuno negli enti regionali. Spoleto è stata lasciata senza voce. Non potrà urlare per riavere il suo ospedale, non potrà dire la sua riguardo il Piano sanitario regionale. Per non parlare della ricostruzione, del Recovery fund fino al Next generation: per affrontare tutte queste sfide la città dovrà contare sulla professionalità della dottoressa Tiziana Tombesi, commissario prefettizio di cui ben conosco le doti umane e professionali e alla quale ho già rivolto il mio personale augurio di buon lavoro. Tuttavia, per quanto di caratura superiore, si tratterà pur sempre di un commissario e non di un rappresentante democraticamente eletto”.