Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Castiglione del Lago, nascondono droga nel pane e forzano posto di blocco: raggiunti e arrestati

Gabriele Burini
  • a
  • a
  • a

Droga per mille dosi, due uomini di Castiglione del Lago arrestati con l’accusa di spaccio di stupefacenti dai carabinieri della compagnia di Cortona. La pattuglia dell’aliquota radiomobile della compagnia di Cortona e quella della stazione di Mercatale, durante un posto di blocco all’uscita di Castiglione del Lago del raccordo autostradale Perugia-Bettolle, hanno notato una macchina con andatura di guida poco costante. Insospettiti, hanno intimato l’alt alla vettura che però, una volta vicina ai militari, si è data alla fuga. Iniziato l’inseguimento, le pattuglie hanno notato il lancio dal finestrino di una grossa busta, recuperata poi da uno dei due equipaggi, mentre l’altro ha bloccato i fuggitivi.

 

Nella busta è stata trovata una pagnotta di pane con all’interno involucri di hashish. Una volta fermati, è scattata la perquisizione personale e domiciliare: a casa del primo, 29enne con precedenti di polizia per reati contro la persona, sono stati rinvenuti 10 grammi di hashish e tre cellulari. Il secondo, un 35enne già conosciuto per reati specifici e proprietario di un’attività a Castiglione, aveva 24 panetti sottovuoto di hashish (2,5 chili) e 22 ovuli contenenti cocaina (280 grammi). Lo stupefacente era purissimo, ancora da tagliare: le dosi che ne sarebbero risultate sono circa mille. Sequestrati anche 700 euro e un bilancino. I due sono stati condotti nel carcere di Arezzo.

 

Nel frattempo, è stata annunciata per sabato 13 marzo l’autopsia sul corpo del cinquantenne pugliese, residente a Po’ Bandino nel comune di Città della Pieve, trovato morto mercoledì 10 marzo all’interno della propria abitazione per sospetta overdose. I militari e i vigili del fuoco intervenuti sul posto hanno ritrovato in casa della vittima, un disoccupato celibe, tracce di droga e siringhe, ma solo dopo l’esito dell’autopsia si avrà un quadro più chiaro della vicenda. L’allarme era stato dato dai vicini. Secondo quanto è dato a sapere, il cinquantenne avrebbe dovuto iniziare a lavorare come muratore proprio in questi giorni.