Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, Grifonissima in formato ridotto. Si correrà il 16 maggio

Esplora:

  • a
  • a
  • a

La Grifonissima si farà? “Noi intanto abbiamo fissato la data: il 16 maggio”. Gianluca Pisello, patron dell’evento, non vuole farsi sfuggire via un altro anno senza il taglio del traguardo allo stadio Santa Giuliana dopo l’annullamento, causa Covid, della quarantesima edizione nel maggio scorso.  “E’ stato necessario stabilire un giorno con Fidal, la federazione di atletica, e con il Comune per la prenotazione dello stadio, ma non sappiamo ancora se tutto sarà confermato, la situazione è ancora fluida. Vogliamo però dare un segno di continuità”. 

 


Sarà comunque un’edizione revisionata con un format light. “Esclusa la possibilità di fare il grande evento per persone di ogni età - specifica Pisello -. Sarà una corsa competitiva su un percorso cittadino di 10,4 chilometri; riservata ad atleti regolarmente tesserati o in possesso di certificato medico. Tutto dovrà aderire al protocollo: distanziamento, scaglionamento alla partenza e all’arrivo”. E l’organizzatore aggiunge: “Del resto con le restrizioni in atto al Santa Giuliana non potranno entrare più di 75 persone a volta”. 

 


Il 16 maggio potrebbe segnare l’inizio di una ripresa della vita all’aria aperta per tutti. “Non sappiamo ancora se potremo andare avanti, lo confermeremo comunque nel corso del mese di marzo”. Pisello racconta, inoltre, di essere stato anche lui colpito dal Covid. “E’ stata un’esperienza davvero difficile: il primo marzo ho festeggiato il tampone negativo dopo oltre un mese di malattia con un ricovero di una settimana in ospedale dove ho trovato un’efficienza straordinaria: servizio e solidarietà”. E conclude: “Sto cercando di recuperare il fiato grazie alla riabilitazione che faccio al Grocco. Ormai mia moglie e io viviamo in compagnia del saturimetro. La parola chiave è saturazione”. Una spinta in più, dice Gianluca Pisello, per andare avanti nel progetto. “Poter rifare la Grifonissima, che compie 41 anni di vita, sarebbe un bel segno di speranza e di reazione per tutto il territorio”.