Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni: parco Cardeto, ritardi nei lavori. Il Comune chiede di aumentare la forza lavoro

Maria Luce Schillaci
  • a
  • a
  • a

I ritardi ci sono, ma non si può procedere col pugno duro. In ogni caso il Palazzo vigila. Questa, in estrema sintesi, la situazione dei lavori al parco Cardeto, nell'omonimo quartiere di Terni. Il cantiere procede a rilento e nei giorni scorsi non sono mancate lamentele da parte dei residenti che non possono più godere del parco dal marzo del 2013.

Le ruspe hanno ricominciato a muoversi solo da pochi giorni e al Comune di Terni questo dato non è passato inosservato, come rileva l’assessore ai Lavori pubblici, Benedetta Salvati, che, però, precisa: “Rispetto al cronoprogramma esecutivo – spiega - ci sono stati degli scostamenti temporali che hanno imposto al Rup di diffidare l’impresa ad incrementare la forza lavoro e ad aggiornare i programma di esecuzione. Il Rup e la direzione dei lavori hanno dunque convocato, lunedì della scorsa settimana, una riunione di coordinamento alla quale ha partecipato l’impresa. Nel corso della riunione sono state analizzate le fasi operative e le varie criticità che si sono presentate, quasi tutte legate ai ritardi sulla consegna dei materiali conseguenti all’emergenza Covid. In seguito allo svolgimento della riunione di coordinamento sono stati consegnati i materiali e l’impresa ha potuto adempiere all’accelerazione delle fasi d’opera, mediante l’incremento della forza lavoro, come da noi richiesto. E’ stato riscontrato, pertanto, che i lavori stanno proseguendo secondo le pattuizioni organizzative definite nell'ultima riunione di coordinamento. Non ricorrono, quindi, le condizioni per accertare gravi inadempienze da parte dell'appaltatore e l’applicazione di eventuali penali contrattuali. L'organizzazione delle fasi operative di un cantiere avviene con un aggiornamento dinamico e periodico del programma esecutivo da parte dell'impresa”.

Sulla base del cronoprogramma i lavori dovrebbero terminare a fine 2021, con la conseguente riapertura del parco. “Il Comune – aggiunge l’assessore - esercita il coordinamento tramite il Rup e il controllo giornaliero tramite l'ufficio di direzione dei lavori. Dato che i termini contrattuali non sono stati superati, e che gli stessi non sono comunque essenziali rispetto alla finalità pubblica dell'intervento, non sussistono al momento ragioni di preoccupazione sul buon esito dei lavori. Da parte nostra – conclude Salvati - saranno registrate eventuali criticità disponendo misure correttive secondo le regole tipiche previste per gli appalti, ancora prima di contestare eventuali inadempienze”. Attualmente sono in fase di attuazione i lavori di completamento degli spogliatoi degli impianti sportivi e a seguire saranno eseguite le opere sull'impiantistica sportiva. La fase di avanzamento è al 20%. Lunedì  15 marzo 2021 è in programma un nuovo sopralluogo al cantiere alla presenza dell’assessore.