Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, contagi in discesa ma adesso preoccupa la provincia di Terni. Il bollettino di giovedì 11 marzo

  • a
  • a
  • a

Quattro morti e 283 nuovi positivi a fronte di 6.251 tamponi effettuati di cui 3.731 con test molecolare. Gli attualmente positivi in Umbria sono 6.597, 43 in meno in sole 24 ore. Diminuiscono anche gli ospedalizzati (-6) che diventano 487 mentre restano stabili i numeri relativi alle terapie intensive (80). Sono i numeri del bollettino di giovedì 11 marzo di Regione e Protezione civile.

 

Nel corso dell'appuntamento settimanale con la stampa che si è svolto questa mattina, l'assessore alla sanità Luca Coletto ha evidenziato come la diffusione del virus sia in lenta discesa nella provincia di Perugia e in salita, invece, in quella di Terni. A questo proposito l'assessore non ha escluso che si possano prevedere restrizioni per questa area della regione. "Dipenderà da cosa ci dice il Cts - ha spiegato l'assessore - qualunque azioni verrà intrapresa sarà volta solo alla tutela della salute pubblica". Continuaano ad avere una incidenza consistente, comunque, anche i territori dell'Altotevere, dell'Assisano e del Folignate. Coletto ha evidenziato che, invece, per quanto riguarda la provincia di Perugia, se ci sarà la possibilità verranno riaperte le scuole materne ed elementari.

 

 

L'assessore ha anche annunciato che verrà rimodulato, sulla base delle indicazioni nazionali, il piano vaccinazioni che seguirà il criterio per età. E' stato il commissario D'Angelo ha evidenziare le categorie prioritarie: categoria 1 elevata fragilità, categoria 2 persone di età compresa tra i 70 e i 79 anni, categoria 3 persone di età compresa tra i 60 e i 69 anni, categoria 4 tutto il resto della popolazione. E' stato specificato anche che in Umbria è stata definita una procedura specifica da attivare nel caso in cui la persona che ha appuntamento per essere vaccinata non si presenti (sono state definite, in pratica, delle liste parallele) e che, sinora, non è andata mai persa una sola dose di vaccino.