Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, Sangemini e Amerino: fondi internazionali pronti a investire 50 milioni sul gruppo Ami

  • a
  • a
  • a

 Il tribunale di Milano ha ammesso il gruppo AMI, Acque Minerali d’Italia, di cui fanno parte Sangemini ed Amerino, al concordato in continuità. La richiesta al tribunale era stata presentata esattamente un anno fa. In comunicato l’azienda sostiene che “è così ufficiale: uno dei più grandi gruppi del settore delle acque minerali in Italia è stato messo in sicurezza e potrà continuare a produrre, progettare e investire anche grazie all’apporto di due fondi di investimento, l’americano Magnetar e l’italiano Clessidra. All’omologa definitiva, i due fondi sottoscriveranno l’aumento di capitale per complessivi 50 milioni di euro diventando azionisti di maggioranza del gruppo AMI in una compagine che vedrà la famiglia Pessina rimanere nell’azionariato”.

E’ stata anche fissata l’udienza per i creditori per il 6 settembre 2021. Il gruppo AMI, che controlla decine di marchi, tra cui i masterbrand Norda, Gaudianello e Sangemini, gestisce 26 sorgenti e 8 siti produttivi , con 400 dipendenti in tutto il Paese, ha continuato, in questi mesi a garantire la produzione e il lavoro in tutti i siti, nonostante le difficoltà per la pandemia e l’importante calo delle vendite anche per questo settore in seguito al blocco del canale ho.re.ca. e alle limitazioni per la ristorazione e turismo.

Sindacato e lavoratori sono comunque in attesa di una copia come stabilito in sede ministeriale. Le segreterie nazionale di Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil hanno avuto una breve call con i consulenti di AMI dottoressa Toschi e dottor Paganini, che dovrebbe assumere la guida del gruppo, nella quale gli è stato comunicato l’ammissione al concordato. La procedura indicata dal Tribunale prevede che tutte le comunicazioni ai lavoratori, a partire dall’invio del piano concordatario, verranno fatte tramite pec o raccomandata. Le parti sociali sostengono che l’azienda invierà a breve una comunicazione a riguardo, invitando, se possibile, all’apertura di una pec personale per ogni lavoratore, diversamente provvederà tramite raccomandata.