Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, guida ubriaco e viola le norme Covid: denunciato

Paolo Puletti
  • a
  • a
  • a

E' stato sorpreso alla guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche e denunciato. Per lui anche multa raddoppiata (perché recidivo) per essere uscito dal comune di residenza senza valido motivo violando le normative per il contenimento del Covid. I carabinieri del radiomobile della compagnia di Città di Castello hanno deferito in stato di libertà alla procura della Repubblica presso il tribunale di Perugia, un 36enne residente in comune limitrofo. L’uomo, lo scorso weekend, sotto gli effetti di sostanze alcoliche si è messo alla guida della sua autovettura per raggiungere il centro tifernate. Una volta arrivato sotto casa dell’ex fidanzata ha dato in escandescenze.

Calci e pugni contro il portone che sono stati subito segnalati ai carabinieri che hanno fatto accorrere sul posto l’autoradio di servizio. Alla vista dei militari l’uomo si è subito calmato, seguendoli negli uffici della compagnia dove, sottoposto agli accertamenti di rito, è risultato avere un tasso di alcol nel sangue tre volte superiore al massimo consentito. A suo carico, oltre al ritiro della patente e alla denuncia per guida in stato di ebbrezza alcolica, è scattata anche la sanzione amministrativa per non aver rispettato le prescrizioni Covid, 400 euro che nel suo caso sono diventati 800. 

Sempre a Città di Castello principio di incendio al vano motore di un furgone. Attimi di scompiglio in via Sant’Antonio, all’ingresso della ztl del centro storico, per quanto accaduto ad un corriere espresso. Il fatto è accaduto martedì 9 marzo, intorno alle 12.30. Sul posto si sono portati due mezzi dei vigili del fuoco. I pompieri, con l’uso di schiumogeni e acqua, hanno spento le fiamme evitando che il furgone potesse avere danni anche alla zona dove erano riposti i pacchi in consegna. La merce è stata salvata. Un carrattrezzi ha rimosso il furgone e alle 13 tutto è tornato alla normalità.