Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Assisi, violenze su moglie e figlia: uomo di 74 anni allontanato da casa

Condannato il romeno che aveva costretto una donna al sesso orale

  • a
  • a
  • a

Vessazioni fisiche e morali nei confronti della moglie e della figlia. Fino a quando una delle due donne ha trovato la forza e il coraggio di chiamare i carabinieri della stazione di Petrignano di Assisi che, al termine di una serie di indagini, hanno allontanato da casa un 74enne residente del territorio. Secondo la ricostruzione dei militari guidati dal tenente colonnello Marco Vetrulli, nei giorni scorsi una donna si è presentata ai carabinieri e, ricevuta dai militari con la necessaria delicatezza e attenzione, ha raccontato una terribile storia fatta di vessazioni fisiche e morali di cui nel corso del tempo erano state vittima madre e figlia.

Le due donne hanno dovuto più volte far ricorso alle cure mediche dell’ospedale di Assisi per le conseguenze di quelle vessazioni. I militari, a questo punto, hanno informato l’autorità giudiziaria perugina, proseguendo le indagini e cristallizzando ogni singolo episodio, documentando i fatti e le relative testimonianze. Dalle indagini degli uomini dell’Arma è emerso che i presunti comportamenti dell’uomo, al quale già in passato erano state ritirate le armi e il relativo documento per il loro porto, hanno reso insostenibile la convivenza. Pertanto, su disposizione del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Perugia, il 74enne, è stato allontanato dalla propria abitazione.

Si tratta soltanto dell’ennesimo episodio di violenza di genere che si verifica in provincia di Perugia. Anche in questo caso è stato raccomandato alle due donne di chiamare immediatamente il 112 qualora fossero rilevate inosservanze alle prescrizioni imposte dalla magistratura all’uomo. Sono centinaia le donne che nel corso del 2020 si sono rivolte a uno dei centri antiviolenza operativi in Umbria. Fino al 5 novembre erano state quasi 500.