Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, l'olio Castello Monte Vibiano servito a Papa Francesco nel viaggio in Iraq

  • a
  • a
  • a

Sull’aereo che ha portato il Papa in Iraq, per lo storico incontro con l'ayatollah Al-Sistani, si è gustato l’olio d’oliva dell’azienda Castello Monte Vibiano di Marsciano. Tutti gli ospiti del volo Roma-Baghdad, oltre a Papa Bergoglio, lo staff del Pontefice, i giornalisti, gli operatori e i fotografi delle testate più importanti del mondo, decollato venerdì mattina alle 7.30 da Fiumicino, hanno infatti ricevuto nel kit-cibo distribuito a bordo, l'olio monodose non filtrato dell’azienda della famiglia Fasola Bologna.

Non è la prima volta che il prodotto targato Marsciano raggiunge le mete più lontane attraverso voli di linea delle principali compagnie aeree del mondo, partendo idealmente dalle piccole frazioni di Mercatello e Monte Vibiano, dove ha sede l’attività e viene prodotto. L’azienda agraria di Lorenzo Fasola Bologna, che si estende su oltre 500 ettari e ha quasi 13 mila alberi, di cui alcuni con più di 500 anni, da oltre 20 anni destina quattro milioni di bottiglie monodose di olio d'oliva e di aceto balsamico italiano ai passeggeri di first class e business class delle compagnie Emirates, Qatar Airwais, Cathay Pacific e Delta Airlines.

Il 33esimo viaggio apostolico di Francesco, che rientrerà in Italia lunedì, è infatti il secondo su cui vengono serviti i prodotti dell’azienda marscianese. Il primo prodotto a salire su un aereo del Pontefice era stato il vino. L’olio servito a bordo dell’aereo papale è al 100% geneticamente certificato italiano e scelto per i principi eco-sostenibili applicati da una realtà imprenditoriale familiare portata avanti da generazioni. L'azienda marscianese ha lanciato la sua green revolution nel 2008, completando negli anni anche la conversione di edifici, infrastrutture, attrezzature, attività agricole e di tutte le attività aziendali principali ed è stata tra le prime cantine a collaborare con il ministero dell'Ambiente per la definizione di un protocollo di buone pratiche per la viticoltura sostenibile.