Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, la mortalità è aumentata ma l'indice di letalità è sotto la media nazionale

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

A Perugia e in Umbria la mortalità è aumentata a febbraio con dati superiori alla media nazionale, ma il tasso di letalità Covid resta sotto al dato medio del Belpaese. E’ quanto sostiene Marco Cristofori del nucleo epidemiologico regionale: 2,3% contro il 3,4%. Sarebbe questo l’unico dato standardizzato che tiene conto anche della struttura della popolazione. L’Umbria infatti è la terza regione d’Italia per numero di ultra85enni.  Per il resto sono in diminuzione il numero dei decessi e anche quello dei ricoveri (“superiori rispetto a novembre, a causa dell’aggressività delle varianti”), nelle medie mobili “seppur con dati molto oscillanti” precisa Cristofori.

Sull’aumento dei casi di decessi a Perugia nel mese di febbraio comunque la Regione, nella persona del direttore Sanità, Claudio Dario, ha annunciato un approfondimento analitico. Nell’analisi dell’andamento della mortalità giornaliera del Ministero della Salute, per la prima metà di febbraio “si evidenzia una mortalità in linea o inferiore all’atteso (stima media degli ultimi cinque anni) in tutta Italia ad eccezione di Perugia (+54%) Bolzano (+35%), e Bari (+32%) dove si continua ad osservare un eccesso di mortalità statisticamente significativo”. Secondo Altems tra il 16 e il 22 febbraio con l'8,16% di mortalità grezza il cuore verde aumenta di quasi due punti percentuali rispetto ai sette giorni precedenti (6,30) superando tutte le altre regioni.

Arrivando a sfiorare il valore soglia di riferimento, il valore massimo che questa dimensione epidemiologica ha assunto in Italia: nei 7 giorni tra il 26 marzo e l'1 aprile 2020, la mortalità grezza (numero di pazienti deceduti per 100 mila abitanti nell'intervallo di di tempo considerato) a livello nazionale, è stata pari al 8,37%. Dati concentrati in un determinato periodo di tempo, influenzati da eccessi di singoli territori, che se non influiscono sui livelli standardizzati di letalità meritano comunque di essere decifrati e analizzati.