Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, rapinarono anziana: scoperti e denunciati dopo sette mesi

Paolo Puletti
  • a
  • a
  • a

 Al termine di una lunga attività di indagine, durata sette mesi, i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Città di Castello hanno denunciato alla Procura della Repubblica due persone, un uomo e una donna di origini rumene.

 

Sono stati ritenuti responsabili di una rapina a danno di una persona anziana. Ancora si cerca di dare un nume ed un volto ad una seconda donna, anche lei parte integrante della banda di rapinatori. I fatti risalgono allo scorso 20 luglio, quando due giovani ragazze avvicinarono un’anziana signora che stava passeggiando in viale Sempione, al quartiere La Tina, chiedendole un’informazione, salvo poi aggredirla improvvisamente. Dopo averla afferrata per le braccia le sfilarono un orologio e un bracciale in oro, fuggendo su una  Golf di colore nero che si trovava poco lontano.

 

Al volante c’era un uomo, quasi certamente il capo dalla banda. Le indagini svolte in collaborazione tra il personale del nucleo Operativo e quello della stazione capoluogo sono state lunghe e molto complesse, in virtù dei pochissimi elementi a disposizione. Tuttavia, partendo dalla minuziosa analisi dei filmati di alcune telecamere presenti nell’area ed incrociando gli elementi utili con quelli emersi dalla videosorveglianza presente su alcune delle principali arterie di ingresso ed uscita dal centro tifernate, è stato possibile individuare una serie di veicoli su cui approfondire i controlli. Attività che, dopo una minuziosa fase di analisi, ha permesso di individuare il veicolo utilizzato nel corso della rapina, risultato noleggiato a Milano. Successive indagini hanno portato all’identificazione e al riconoscimento del presunto conducente del veicolo utilizzato per la fuga, un 26enne di nazionalità romena, nonché una delle rapinatrici, una 28enne sempre romena. Entrambi senza fissa dimora. Dovranno rispondere del reato di rapina aggravata in concorso. La notizia dell'individuazione dei due ha fatto tirare un sospiro di sollievo a Città di Castello.