Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Assisi, sorpresi in 15 al ristorante: multati e locale chiuso

  • a
  • a
  • a

Multati i 15 avventori di un ristorante e locale chiuso per cinque giorni. I carabinieri della Compagnia di Assisi diretti dal tenente colonnello  Vetrulli, per contenere il contagio del Covid, eseguono quotidianamente decine di controlli per evitare assembramenti e situazioni di pericolo.

 

I militari dell'Aliquota Radiomobile, in uno dei comuni dell'hinterland assisano, l'ultimo fine settimana in cui si era in zona rossa, hanno elevato una sanzione amministrativa di 400 euro nei confronti del titolare di un ristorante e di una quindicina di clienti, sorpresi a consumare cibo e bevande al tavolo, all'interno del locale, in chiara violazione dei divieti imposti sia dal Dpcm 14 gennaio 2021, sia dalle ordinanze del presidente della Giunta regionale, Donatella Tesei. I carabinieri hanno anche disposto la chiusura immediata per cinque giorni della struttura ricettiva.

Ad Assisi, invece, i militari hanno contestato una sanzione a due motociclisti provenienti dalla provincia di Siena che si erano recati nella città serafica per una passeggiata in moto fuori porta, ovviamente senza giustificato motivo, violando le restrizioni previste dal  decreto.

Gli stessi carabinieri hanno, infine, elevato la contravvenzione anche a una donna perugina trovata alle 2 di notte a bordo della propria autovettura, all'interno di un'area di servizio lungo della statale 75 Trasimeno Ovest, senza giustificati motivi, all'altezza di Bastia Umbra.

 

Dall'entrata in vigore dell'ultimo Dpcm sono state più di 30 le sanzioni contestate dai militari ai vari trasgressori e a titolari di attività commerciali. Insomma i controlli continuano a essere ferrei anche se le violazioni, come si vede, non mancano.

"E' assolutamente prioritario mantenere alta l'attenzione sulle misure anti Covid 19; è necessario, pertanto, il contributo di tutti nell’applicare correttamente le direttive in vigore che sono volte alla tutela della salute di ogni cittadino" si raccomandano le forze dell'ordine. Anche perchè il virus continua a circolare con forza.