Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, 301 nuovi casi e 457 guariti: lieve aumento in rianimazione. Ieri 3.600 vaccini

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Scende di nuovo sotto gli otto mila il totale di attualmente positivi nella regione Umbria. In particolare, con i dati aggiornati ad oggi si arriva  a 7.938. Secondo quanto riportato nella dashboard regionale infatti ieri sono stati isolati 301 nuovi positivi a fronte di 4.247 tamponi molecolari, mentre si sono registrati 457 guariti. Il che 'contiene' il numero totale di nuovo sotto quota otto mila. Anche per quanto riguarda l'incidenza dei positivi rispetto processati ci si aggira attorno al 7,1%.

 

 

Quindi un dato perfettamente in linea con i giorni precedenti. Accanto a nuovi positivi e guariti vanno registrati purtroppo altri cinque decessi che vanno ad aggiungersi agli altri. In questo modo si arriva alla cifra totale di decessi durante la pandemia di 1.057. E, se da un lato vanno registrati 10 pazienti in meno ricoverati nelle corsie Covid comuni, va purtroppo registrato un incremento di ricoverati in terapia intensiva. Sono infatti quattro in più in pazienti trasferiti nei reparti di maggiore gravità. Per cui al momento sono 514 i ricoverati nelle corsie degli ospedali umbri e di questi in 83 sono in rianimazione. 

 

 

Intanto sul fronte vaccini, secondo quanto emerso, quella di martedì è stata una giornata da record: in Umbria - secondo quanto risulta - sono state somministrate 3.604 dosi. Un numero mai raggiunto fino ad ora in sole 24 ore. Certo, al momento questo non aiuta il cuore verde a scalare la classifica delle regioni più virtuose. Lista stilata in base a quante dosi vengono somministrate rispetto a quelle ricevute. Secondo il sito ufficiale della struttura commissariale per l'emergenza, l'Umbria dunque è terz'ultima in Italia. Peggio fanno solo Sardegna e Calabria. Al momento nel cuore verde sono state somministrate 53.602 dosi sulle 87.035 consegnate, per un 61,6 percento. Da sabato sono partite le vaccinazioni con vaccino Astrazeneca riservato a personale docente e non docente della scuola e altre categorie non coinvolte con Pfizer.