Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orvieto: videosorveglianza, via all'installazione delle telecamere nel centro della città

  • a
  • a
  • a

L’ingresso del mese di marzo 2021 porta le telecamere di videosorveglianza sulla Rupe di Orvieto, in provincia di Terni. Più volte annunciata, prende il via nel centro storico l'installazione del primo apparato tecnologico da parte della società Umbra Control. Il completamento delle rete è previsto entro aprile 2021.

Per lunedì 1 e mercoledì 3 marzo 2021, intanto, sono programmati i lavori di installazione in via della Costituente che collega piazza del Popolo alla torre del Moro e che, dalle 8.30 alle 17.30, rimarrà chiusa al transito veicolare. In questo periodo il varco elettronico per il controllo dei transiti in uscita da corso Cavour su piazza della Repubblica sarà disattivato. La ditta esecutrice segnalerà la presenza dell’area di cantiere secondo i disposti del codice della strada e del regolamento di attuazione. La polizia locale, invece, adotterà i provvedimenti necessari a garantire il normale flusso della circolazione. I successivi interventi si svolgeranno nelle prossime settimane.

Il progetto di videosorveglianza messo a punto dalla polizia locale che sarà operativo da quest’anno attraverso l’installazione di sette telecamere consentirà di vigilare su un’ampia area del centro storico che va da piazza della Repubblica a piazza Duomo, passando per corso Cavour e piazza del Popolo. L’area coperta dagli occhi elettronici coincide, nella fase iniziale, con i due assi secanti che riprendono l’antica disposizione del cardo e del decumano di epoca romana, ovvero la zona maggiormente ricca di negozi, bar ed altri punti di aggregazione. In particolare piazza della Repubblica, sul lato del palazzo comunale, corso Cavour, nel tratto tra la torre del Moro e piazza Fracassini, via Duomo nel tratto tra la torre del Moro e largo Barzini e in quello tra la torre del Maurizio e largo Barzini, il lato sinistro di piazza Duomo e piazza del Popolo, sul lato dell'edificio del Museo della Ceramica.

“Un sistema di videosorveglianza – sottolinea il sindaco, Roberta Tardani – che servirà a soddisfare l’esigenza dei cittadini di una più diffusa ed efficace salvaguardia dei beni pubblici e privati ma sarà anche un valido supporto alle forze dell’ordine nell’attività di prevenzione e contrasto delle illegalità”. Nel mese di dicembre erano già state sostituite cinque telecamere di videosorveglianza e aggiunte ulteriori due per permettere la visualizzazione di ingresso e uscita del piano riservato agli abbonati del parcheggio insilato di via Roma al fine di scongiurare la commissione di ulteriori atti vandalici. Come quello che ha portato alla denuncia per il reato di danneggiamento di cosa pubblica, tre ragazzi provenienti dalla Capitale che avevano preso a calci e letteralmente divelta e buttata a terra, la sbarra di accesso al parcheggio di proprietà del Comune, costituitosi parte civile.