Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, grigliata al parco e scattano le multe anti Covid. Maxi sanzione al bar

Esplora:

Ale. Ant.
  • a
  • a
  • a

Giornata di controlli a tappeto quella del 27 febbraio nei parchi della città.
I vigili della polizia locale hanno elevato due sanzioni Covid ad altrettante persone che stavano cuocendo carne alla griglia al parco di Lacugnano: si sono giustificati dicendo che festeggiavano un compleanno.

Ottocento euro di multa come regalo. Altre quattro violazioni in un bar di Ponte Felcino: gli avventori stavano consumando al tavolo. Sono stati eseguiti controlli a tappeto al percorso verde, al parco Chico Mendez e al tempietto. E ancora: controlli in viale Indipendenza ed in via Pergolesi a San Sisto. Sopralluoghi anche varie attività commerciali in centro e a San Sisto: tutto regolare.
Sono stati segnalati importanti afflussi nei parchi e non solo per svolgere attività motoria. C’è chi ha consumato bevande e merende. Uno di quelli più presi d’assalto è stato la Cuparella, in centro storico. 

Intanto prosegue l' attività di controllo del territorio - sempre da parte della polizia locale - finalizzata alla repressione di fenomeni di degrado e microcriminalità in aree particolarmente sensibili della città. Tutto in accordo con l'assessore alla sicurezza Luca Merli, dopo le istanze dei cittadini e dei comitati di quartiere.

Nel corso della settimana il personale dell’ufficio sicurezza urbana dei vigili di Perugia ha effettuato una serie di controlli su appartamenti segnalati come dimora di inquilini irregolari, legati al mondo dello spaccio e della prostituzione.

I sopralluoghi hanno interessato alloggi ubicati nell’area di Fontivegge e più precisamente Strada Settevalli, Via Luzzatti, Via San Prospero, Via della Ferrovia, Via Cortonese. Sono stati oggetto di diffida due cittadini che in corso Bersaglieri avevano reso abitabile e occupato un locale accatastato come negozio, con contratto di affitto scaduto da tempo. Sul posto è stata fatta giungere anche la proprietà nei cui confronti è stata notificata la diffida all’utilizzo degli impianti tecnologici. Non è mancato il sopralluogo della Usl.