Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, a maggio il trasloco del mercatino dalla zona Staino al centro. Ambulanti in pressing sul Comune

  • a
  • a
  • a

Nuova delibera della giunta comunale di Terni, mercoledì 24 febbraio, per il mercatino settimanale del mercoledì che resterà allo Staino fino al 30 aprile e poi, emergenza sanitaria permettendo, sarà spostato al centro.  Intanto a vocabolo Staino è stata studiata una soluzione momentanea: 53 bancarelle si sposteranno dove c'è attualmente il parcheggio per le auto e l'altra parte dell'area (dove si tiene il mercatino settimanale) continuerà ad ospiterare gli altri 53 ambulanti.

L'assessore comunale al Commercio, Stefano Fatale, e gli uffici tecnici  sono ormai mesi che stanno lavorando per il trasferimento del mercatino settimanale in via sperimentale dallo Staino al centro della città (via Colombo, largo Frankl, piazza Europa e una parte di corso del Popolo esclusa la zona di fronte al tribunale).  Più volte gli ambulanti si sono lamentati del fatto che lo spostamento dal Foro Boario (dove è in corso la costruzione del PalaTerni) allo Staino è stato penalizzante. Altra criticità, a detta degli ambulanti, è il fatto che quando piove l'area diventa impraticabile. A causa del terreno sconnesso alcune persone sono anche cadute. Per tutte queste ragioni più volte gli ambulanti hanno chiesto lo spostamento. Inoltre  il centro storico potrebbe essere un punto di ripartenza per tutti.

“Ci auguriamo – spiega - Mauro Fortini, presidente regionale di Fiva Confcommercio Umbria - che presto ci possano essere le condizioni per lo spostamento del mercatino del mercoledì al centro perchè con questa emergenza sanitaria è difficile fare  previsioni. Se poi anziché il 30 aprile dovesse passare qualche altro giorno  poco interessa, ma l'importante è lasciare lo Staino e andare in centro. Questo sarebbe un grande passo per noi ambulanti e anche per i negozi del centro. In questo momento per molti ambulanti è molto complicata la situazione anche a causa della zona rossa nel Perugino. Molti di loro si sono ritrovati a fare uno o due mercati a settimana contro i cinque o sei di prima. Speriamo davvero tanto che questo difficile momento possa quanto prima passare”. Gli fa eco Vincenzo Cardenia del Goia che si limita a commentare con poche parole: “Speriamo che questa sia finalmente la volta buona”.