Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, disoccupato 60enne nasconde 10 kg di hashish nella stalla

Esplora:

  • a
  • a
  • a

I militari della guardia di finanza di Perugia hanno arrestato un 59enne della zona, incensurato e disoccupato per detenzione ai fini di spaccio di un ingente quantitativo di hashish. Si tratta in particolare di 10 chili di sostanze stupefacenti suddivise in 98 panetti, nascosto all'interno di un materass0 a sua volta chiuso in un vecchio armadio nella stalla di un casolare alle porte di Perugia. L'uomo ha riferito di aver tenuto in custodia la sostanza stupefacente per conto di un altro uomo di cui non avrebbe saputo riferire il nome, in cambio di un corrispettivo in denaro, accettato a causa del suo stato di disoccupazione e dunque bisognoso di sostegno. Dopo l'arresto eseguito dai militari del Gico della guardia di finanza di Perugia, l'uomo è comparso dinanzi al gip, Natalia Giubilei per la convalida dell'arresto. Il giudice ha dunque convalidato l'arresto e ha disposto i domiciliari per l'uomo. 

 

 

Il sequestro della finanza è stato eseguito sulla scia di un altro intervento delle fiamme gialle: si tratta di un fermo effettuato la scorsa settimana di un narcotrafficante di origini marocchine, che trasportava a bordo della sua autovettura 26 kg di hashish, pronti ad essere collocati sulle principali piazze di spaccio perugine, è stato intensificato il dispositivo di contrasto ai traffici illeciti. 

 

Non solo: i finanzieri hanno anche rintracciato altre partite di droga, più contenute delle altre. In particolare, in zona di Ponte San Giovanni, in un appartamento sono stati inoltre sequestrati 200 grammi di hashish ad un cittadino marocchino che, giudicato con rito direttissimo, è stato sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.  Infine, è stata denunciata una cittadina brasiliana che deteneva nella camera da letto del suo appartamento a Giano dell’Umbria 60 grammi di hashish. Insomma, a quanto sembra, il periodo di pandemia e le limitazioni agli spostamenti non hanno portato giovamento al sempre fiorente mercato di spaccio.