Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbertide, buoni spesa Covid consegnati a 214 famiglie in difficoltà

  • a
  • a
  • a

Nella città di Umbertide, dopo due settimane dall’inizio della loro distribuzione, è stata erogata oltre la metà dei buoni spesa per l’emergenza Covid 19. A renderlo noto sono state la vice sindaco Annalisa Mierla (nella foto) e l’assessore Sara Pierucci. A partire dal giorno 8 febbraio sono stati consegnati alle famiglie in maggiore difficoltà 30 mila euro di buoni spesa dei circa 54 mila che sono stati messi a disposizione grazie all'ultimo bando. Rispetto a quelli che erano stati erogati nella passata primavera, nel corso della prima ondata di Covid, i buoni spesa per l'acquisto di generi di prima necessità sono stati consegnati tutti in maniera digitale.

Ai cittadini beneficiari del buono è stato inviato un Sms con un pin a quattro cifre. Nel momento in cui i cittadini si recano in uno dei diciotto esercizi commerciali presenti nell'elenco dei negozi aderenti all'accettazione dei buoni spesa per l'acquisto di generi alimentari o prodotti di prima necessità, devono presentare il loro codice fiscale (tessera sanitaria) al commerciante il quale chiederà di confermare la spesa digitando o fornendo il pin che è stato inviato tramite un messaggio sul telefonino del beneficiario. Ad ottenere i buoni sono stati per il momento 214 cittadini.

I buoni come detto si possono spendere nei diciotto esercizi commerciali che hanno aderito all'iniziativa e il cui elenco completo è pubblicato nel sito dell'amministrazione comunale, all'indirizzo www.comune.umbertide.pg.it. I buoni spesa sono validi fino al 31 marzo 2021. Purtroppo anche ad Umbertide, così come purtroppo nel resto del Paese, ci sono famiglie che stanno sentendo in maniera drammatica le conseguenze della pandemia e che quindi sono costrette a ricorrere a tutti gli aiuti possibili per cercare di tirare avanti, sperando che la situazione migliori nelle prossime settimane. Il territorio della regione Umbria, tra l'altro, sta vivendo la fase più difficile dall'inizio della pandemia.